Utente 491XXX
Gent.li Dottori buonasera,

sono un ragazzo di 35 anni, affetto da quando avevo 27 anni di Spondilite Anchilosante. Sono in cura con farmaci biologici. Quando ho scoperto la malattia, avevo un dolore di tipo meccanico (ovvero solo durante il movimento) e principalmente nel gluteo sinistro, quindi un dolore sempre monolaterale. Da circa 3 anni il dolore si è spostato dal gluteo sinistro al tensore della fascia lata, senza coinvolgere mai il ginocchio. Da RM alla coscia sinistra si vede un leggero edema vicino al ginocchio, all'altezza dell' ileotibiale. Il dolore è unicamente sul tensore della fascia lata e sulla parte posteriore della coscia. Da RM lombosacrale non sembra ci siano ernie o cose simili che facciano pensare ad un coinvolgimento della colonna. Ho provato tecarterapia, agopuntura, onde d'urto, emograndetrasfusione con ozono, massoterapia e fisioterapia ma niente da fare. I reumatologici consultati insistono nel dire che questo non è un dolore da spondilite anchilosante, ma secondo me invece può dipendere dalla spondilite perché spesso ho rinvenuto alcuni colleghi di sventura che avevano dolori simili ed inoltre ho sentito parlare della spondilite come sciatica mozza. Voi cosa ne pensate? Mi piacerebbe sapere il vostro parere.

Grazie
Spero di ricevere presto una vostra risposta.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Con tutti i limiti relativi al contributo che è possibile fornire con un consulto virtuale come questo, una diagnosi secondo me da prendere in considerazione potrebbe essere quella di una condizione di meralgia parestesica le cui caratteristiche sintomatologiche potrebbero giustificare il quadro clinico da lei riferito. Accenni tale ipotesi al collega reumatologo di suo riferimento che con un esame obiettivo approfondito potrebbe fornirci un parere in merito. Cordiali saluti.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 491XXX

Gent.le Dott. Granata,
in primis la ringrazio vivamente per la sua risposta. Davvero molto gentile. Tempo fa un radiologo mi aveva paventato questa possibilità della meralgia parestesica. Visto che la meralgia parestesica altro non è che un intrappolamento del nervo, come faccio a vedere se questo nervo è intrappolato? Io fino ad oggi ho fatto RM alla coscia sinistra, RM alla Colonna Lombosacrale, ma nessuno di questi esami mi da informazioni sui nervi. Qual è l'esame obiettivo che andrebbe fatto? Ed inoltre come si combatte o sconfigge la Meralgia parestesica? Che tipo di terapia bisogna fare? La ringrazio in anticipo per il support che potrà fornirmi. Cordialmente

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
La diagnosi è sostanzialmente clinica. Per quanto riguarda la terapia che in genere è conservativa sono indicati i farmaci per il trattamento del dolore neuropatico come il pregabalin o l’amitriptilina. La terapia viene scelta del medico dopo la conferma della diagnosi e le caratteristiche personali del paziente. Cordialità.
Mauro Granata

[#4] dopo  
Utente 491XXX

Buonasera Dott. Granata, la ringrazio nuovamente per la risposta. Per diagnosi Clinica intende che il paziente deve essere visitato dal medico portando con se gli esami di cui dispone? Mi chiedevo se vi era qualche esame specific attraverso il quale evincere questa patologia. Diversi anni fa, sospettando del dolore neuropatica, per un periodo di circa 20/30 gg presi il Gabapentin ma senza avere alcun beneficio sulla sintomatologia legata al dolore. Grz

[#5] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Certo deve essere il medico a concludere per questa diagnosi. Cari saluti.
Mauro Granata