Utente
Buongiorno,
scrivo per mia madre che ha 70 anni e da alcuni mesi soffre di dolori e gonfiori partiti dalle braccia e dagli indici delle mani, poi al ginocchio (uno solo) e poi alla caviglia.
Premetto che prossima settimana, come da consiglio del medico curante, ha appuntamento con un reumatologo ma, in attesa, volevo avere anche un vostro parere.
Ha appena effettuato le analisi per la seconda volta e dei valori sono risultati alti (come anche la prima volta) nonostante in questi mesi abbia seguito una terapia antinfiammatoria con dei medicinali per l'attrite.
I valori risultati alti sono: Proteina C reattiva 56 mg (dove il masso è 5, 00) fattore reumatoide 72 (dove il massimo è 14).
In aggiunta ha anche eritocriti ed emoglobina leggermente bassi e il valore RDW più alto, 15, dove il massimo sarebbe 14.5.
Comprendo che a distanza è difficile fare una diagnosi accurata ma volevo sapere se si poteva trattare di attrite reumatoide o se il medico di base stava ignorando qualche altro esame accurato da fare.

Ringrazio in anticipo chi mi risponderà.
Vi auguro buon lavoro.

[#1]  
Dr. Danilo Vaccai

20% attività
20% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2020
Salve. E' una diagnosi possibile quella che dice Lei, ma prima di fare altre analisi, secondo me è meglio se la vede prima il Reumatologo. Potrà stabilire tramite la visita che tipo di patologia articolare possa essere, ed eventualmente chiedere approfondimenti diagnostici.
Cordialmente,
Dr. Danilo Vaccai