Utente 122XXX
buongiorno,chiedo in anticipo scusa se commetto qualche errore ma e' la prima volta che scrivo.ho 36 anni vivo in provincia di cosenza e dallo scorso anno che vago per ospedali in cerca di una diagnosi certa.tutto e' cominciato lo scorso anno quando mi sono recata da un ginecologo per sapere se potevo prendere ho meno la pillola,in seguito ad un'elettroforesi,prescritta dal gine,e' risultata un'ipergamma di 24,1 ed una ves a 47,ho fatto esami piu' approfonditi dai quali e' risultata una tiroidite autoimmune con valori TG ab 135,4(valori di rif max 60)e TPO ab 2744,8(valori rif max 60)e un'anemia mediterranea e valori nelle urine proteine 10,che sarebbe il val max ed urobilinogeno 0.2 anch'esso valore max.Dato che a quel tempo lamentavo molta stanchezza,facile irritabilita' frequenti mal di testa,dolori articolari diffusi ed una sorta di rigidezza mattutina che si protraeva per circa un'ora ,ho eseguito anche esami ANA ed ENA risultati entrambi positivi ANA pattern nucleare speckled 1/320 ENA SM/RNP positivo.Mi fu diagnosticata una sospetta connettivite ma nessuna cura farmacologica,tranne il ferrograd per la mia anemia.dopo 6 mesi ho ripetuto il tutto includendo anche gli anticoagulanti per il lupus,risultati tutti negativi e anticorpi anticardiolipina igg igm,anch'essi negativi, sia il reuma test che la pcr sono negativi,la ves 59 valori delle urine uguali ai precedenti,ANA 1/320 gli ENA invece sono risultati negativi.tutti gli esami sono stati eseguiti al policlinico di BARI,io abito in calabria...e' tutto dire,e con questi risultati la reum mi disgnosticato sempre una sospetta connettivite che pero' potrbbe essere un'artrite,quindi per averne una certezza DEVO ripetere tutto.inutile dire che sono molto scoraggiata di tutto ...ecco quindi la mia domanda ma io ho una probabile connettivite ho dato che ora ho gli ena negativi e' artrite?la cura farmacologia e' plaquenil 200 e deltacortene2,5,inoltre volevo precisare che in famiglia mia sorella maggiore ha l'alopecia ed ANA positivi borderline,io ho due figli maschi ed il maggiore ha il favismo,mia madre e' ipertesa e diabetica.mi scuso se mi sono dilungata ma l'ho fatto per farvi avere un quadro clinico il piu' completo possibile.cordiali saluti anna

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Scavo

24% attività
0% attualità
16% socialità
ACIREALE (CT)
CATANIA (CT)
NICOLOSI (CT)
BRONTE (CT)
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile signora,
dal quadro clinico da Lei descritto si evince un certo disordine immunitario del quale la tiroidite è un aspetto non secondario.
Agli esami già effettuati potrebbe aggiungere (se non l'ha già fatto) antiDNA,ANCA, antiCCP, C3,C4 e una radiografia di mani e polsi.
Se questi risultassero negativi si potrebbe trattare anche di una connettivite indifferenziata da monitorare nel tempo.
Mi faccia sapere.
Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Scavo

[#2] dopo  
Utente 122XXX

buongiorno dottore la ringrazio per la sua risposta,alcuni degli esami da lei citati li ho gia eseguiti e cioe' anti -ds DNA 11,5 (valore max di riferimento 15) C3 1,06(valori di rif 0,90 1,8) C4 0,201 (valori di rif 0,1 0,4) fattore reumatoide 10 (valori di rif max 15) pcr 2,1 (valore di rif max 10). inoltre ieri ho effettuato un' ecocardiogramma,che rientra nella norma,tranne un lieve soffio al cuore che la dottoressa ha ciamato di "accompagnamento " che talvolta si evidenza nelle persone affette da anemia o che hanno continue febbricole,come nel mio caso.Procvvedero' ad effettuare una radiografia,in quanto le mani,anche se sto prendendo i farmaci continuano a farmi male,soprattutto la mattina,e sono sempre bollenti.....ora dottore approfittando uovamente della sua gentilezza,volevo chiederle come mai si sono negativizzati gli ena?potrebbe trattarsi di una sorta di remissione della malattia?nel caso in cui ,ripetendo gli esami,gli ena dovessero essere nuovamente negativi,la diagnosi rimarrebbe connettivite,o diventerebbe altro?La ri ngrazio nuovamente per la sua disponibilita'.Cordiali saluti anna

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Scavo

24% attività
0% attualità
16% socialità
ACIREALE (CT)
CATANIA (CT)
NICOLOSI (CT)
BRONTE (CT)
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
gentile anna,
gli ena, antigeni nucleari estraibili, aiutano a precisare la diagnosi di malattia quando associati ad altri criteri clinici e di laboratorio
Il più delle volte permangono positivi in caso di malattia accertata, ma possono diventare negativi in caso di connettivite aspecifica o ancora di un disordine immunitario transitorio
Cordialmente
Dr. Giuseppe Scavo

[#4] dopo  
Utente 122XXX

buongiorno dottore in primis nuovamente grazie per la risposta,mi aiuti a capire,se gli ena dovessero permanere negativi e gli ana positivi sempre con lo stesso titolo,puo' trattarsi di un disordine immunitario transitorio,o nel mio caso dove e' stata accertata la tiroidite,febbricola persistente e dolori articolari diffusi etc si deve escludere totalmente questa ipotesi,e devo accettare l'idea di avere una malattia cronica?ancora grazie anna

[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Scavo

24% attività
0% attualità
16% socialità
ACIREALE (CT)
CATANIA (CT)
NICOLOSI (CT)
BRONTE (CT)
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Consideri che gli ENA sono utili ma non indispensabili per ladiagnosi. Se gli ANA sono persistentemente positivi a titolo significativo (>1/160) e si associano manifestazioni di disordine immunitario, si può considerare dopo attenta valutazione la diagnosi di connettivite (indifferenziata o meno).
Cordialmente
Dr. Giuseppe Scavo

[#6] dopo  
Utente 122XXX

sempre gentilissimo,ora finalmente mi e' tutto chiaro,spero di non averla assillata troppo,se vuole posso continuare a tenerla aggiornata sul mio stato di salute,considerando che a settembre devo rifare un check up completo,nel frattempo colgo l'occasione per augurarle delle buone vacanze.saluti anna