Utente 179XXX
Nel mese di giugno più o meno ho iniziato ad avvertire un fastidioso prurito al seno sinistro, nella parte inferiore al di sotto dell'areola. Dopo un po' di tempo è comparsa una sorta di ombra scura appena percettibile tipo un livido. Il prurito continuo persisteva. Fine luglio circa la zona comincia ad arrossarsi moltissimo e ad estendersi (la forma dell'arrossamento e a trapezio, a partire al di sotto dell'areola). il prurito non passa. Inizio settembre consulto un dermatologo, il quale mi prescrive una blanda terapia per dermatite da contatto (crema a base di ossido di zinco e crema idratante) per diagnosi differenziale con malattia di Paget del capezzolo. La terapia non ha alcun effetto, anzi l'arrossamento con screpolatura e prurito si estende all'areola. Nel frattempo consulto il mio ginecologo, il quale esclude qualsiasi altro problema al seno, a parte quello dermatologico. Esclude il Paget. Consulto un dermochirurgo oncologico. La sua diagnosi è dermatite. Mi prescrive toccature con Eosina + travocort crema due volte al giorno per 7 giorni. Durante la terapia passa solo il prurito. Una settimana esatta dalla fine della terapia tutto torna, peggio di prima. Tornerò dal dermochirurgo la prossima settimana.
Mi chiedo perchè nessuno mi consigli accertamenti diagnostici tipo mammografia e biopsia della cute interessata.
ho 37 anni, un figlio di 5 anni allattato per 10 giorni soltanto.
Cosa mi consigliate? Che cosa può essere?
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ovviamente per poter aggiungere un contributo dovrei vedere anche io la sua lesione dermatologica. La definisco dermatologica perchè, ma la conferm si ha solo con la visita, perchè credo che l su descrizione non faccia pensare alla malattia di Paget.
In caso di dubbi non occorre una mammografia o una biopsia, ma un semplice esame citologico che si ottiene per scraping, cioè con una semplice scarificazione del tessuto superficiale con un vetrino.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 179XXX

Grazie Dottore per la sua celere risposta.
Vedrò cosa mi consiglia il mio dermatologo, in mancanza proverò a proporre l'esame citologico da Lei consigliato.
Buona giornata.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se la diagnosi è di lesione dermatologica non c'è ragione ad eseguire alcun citologico.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com