Utente 223XXX
Salve, volevo sapere se è possibile che una formazione nodulare al seno, a margini spiculati delle dimensioni di 24 mm (referto della risonanza magnetica) possa essere un fibroadenoma considerato che nella stessa parte qualche tempo fa mi era stato diagnosticato ma delle dimensioni di soli 4 mm.
Sono in attesa di fare una biopsia, ma dato il risultato della risonanza secondo i medici trattasi al 99% di un tumore...allora, mi chiedo, che fine ha fatto quel fibroadenoma?
Scusate se la domanda può essere stupida, ma è una curiosità che mi è venuta adesso.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Può trascrivere il referto precedente, suppongo ecografico, del nodulo diagnosticato come fibroadenoma (4 mm). ?

il "nodo" attuale di 24 mm si trova nella stessa sede di quello di 4mm , definito come fibroadenoma ?

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 223XXX

Ahimè non ho il referto precedente a portata di mano....ma posso dirle che precedentemente il fibroadenoma mi era stato diagnostico solo tramite mammografia.
Era localizzato nella stessa zona dove oggi la risonanza magnetica parla di formazione nodulare solida a margini spiculati della dimensione di poco più di 2 cm.
Tra i mille pensieri non l'ho chiesto alla mia senologa, ma se trattasi di due formazioni diverse, la risonanza non avrebbe dovuto rilevare anche la presenza del precedente fibroadenoma?
Mi spiace non poter essere al momento più dettagliata ma la ringrazio comunque per la sua attenzione.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi scusi sono ancora più perplesso : perchè in età inferiore ai 30 anni le avevano richiesto una mammografia che solitamente a quella età "non vede nulla" e non una ecografia ?
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 223XXX

MI scusi Lei dottore...mi sono appena accorta che nella registrazione ho inserito una data di nascita errata....ho 61 anni (i 30 li ho superati da un pò)...essendoci già un caso di tumore nella mia famiglia, al seno peraltro, ogni anno sono solita fare la mammografia.
Scusi ancora la mia disattenzione, immagino le richieste a cui deve dare corso e non è mia intenzione farle perdere del tempo utile.
Spero di averle fornito qualche dato in più....se così non fosse non si preoccupi, in fondo la mia è una curiosità anche senza importanza....tra qualche giorno, dopo la biopsia, saprò meglio di cosa si tratta...a volte si vorrebbe sapere tutto e subito.
Grazie ancora



[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Questo era un aspetto più importante che mi rende ancora più perplesso : l'età.

>>qualche tempo fa mi era stato diagnosticato ma delle dimensioni di soli 4 mm. >>

Che vuol dire qualche tempo fa ?

Se a 56 anni........ il fibroadenoma è pressochè inesistente e quindi quello che era stato definito un fibroadenoma NON LO ERA e anche se ne avesse avuto l'espetto forse meritava un approfondimento proprio in considerazione della sua età.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 223XXX

il fibroadenoma (se di questo si trattava) mi è stato scoperto all'età di 49/50 anni....successivamente, per curare l'osteoporosi, ho fatto una cura ormonale. Le preciso che sono andata in menopausa abbastanza presto, 45/48 anni.
All'inizio di quest'anno, maggio per l'esattezza, ho fatto la solita mammografia annuale che ha rilevato un massa solida che però, secondo il medico (privato) non richiedeva approfondimenti particolari eccetto un'ecografia da fare con calma a distanza di 12 mesi.
Poichè ho iniziato a sentire il seno dolorante, a settembre mi sono recata in un ospedale pubblico ed è qui che la senologa ha ritenuto opportuno fare subito l'ecografia e poi la risonanza magnetica di cui sorpa Le ho descritto il referto.

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Spero che abbia sospeso la terapia ormonale.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#8] dopo  
Utente 223XXX

da poco...ma l'ho sospesa.
Grazie per il consulto

[#9] dopo  
Utente 223XXX

Gentile Dottore,
ho avuto il referto della biopsia ma ancora non ho avuto la possibilità di farlo leggerlo al mio medico.
Comunque posso dirle che è classificato come G2 sensibile agli ormoni.
Cosa vuol dire

[#10] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
G2 è il grading mentre 2sensibile agli ormoni" si evince da altri parametri.
Mi dispiace ma dovrebbe allegare il referto al completo.

Ma perchè non Le spiegano il significato avendo loro tutte le informazioni ?

>>il fibroadenoma (se di questo si trattava) mi è stato scoperto all'età di 49/50 anni....successivamente, per curare l'osteoporosi, ho fatto una cura ormonale. >>

50 anni è una età ATIPICA per l'insorgenza di un fibroadenoma !
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#11] dopo  
Utente 223XXX

dove ho ritirato il referto (struttura pubblica) non era presente alcun medico e a parte le cose che Le ho scritto prima non sono riuscita a farmi dire nulla di più .....
Oggi vedo l'oncologo e spero di capire quali saranno i prossimi passi da fare.
Devo dire che in merito, avendo consultato in questi giorni vari medici, le cose mi sono tutt'altro che chiare...ma esiste un protocollo in caso di tumori? Nel senso che qualcuno mi ha detto che è meglio fare una terapia prima e l'intervento dopo, qualcun'altro esattamente il contrario.
Appena possibile approfitterò ancora della sua disponibilità scrivendo il referto della biopsia.




[#12] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi scriva il referto e....la taglia della sua mammella (^____^)
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#13] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>Devo dire che in merito, avendo consultato in questi giorni vari medici, le cose mi sono tutt'altro che chiare...ma esiste un protocollo in caso di tumori? Nel senso che qualcuno mi ha detto che è meglio fare una terapia prima e l'intervento dopo, qualcun'altro esattamente il contrario.>>

Stia tranquilla esistono protocolli e idee anche abbastanza chiare (^___^)

http://www.senosalvo.com/terapia_chirurgica_intro.htm

e anche sulla terapia neoadiuvante preoperatoria (nei casi in cui è indicata : ecco perchè Le ho richiesto la taglia del suo seno. Ma purtroppo dal suo profilo- 32 anni e sottopeso-
non posso capire. E' evidente che abbia usato l'account forse di sua figlia )

http://www.senosalvo.com/iuvante.htm

ma ne discuteremo quando mi avrà risposto.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#14] dopo  
Utente 223XXX

ha ragione, l'account è di mia figlia...come le ho scritto qualche tempo fa, ho 60 anni.

Questo è il referto della biopsia:
"carcinoma infiltrante di tipo micropapillare di grado nucleare intermedio G2. Coestistono figure di carcinoma duttale in situ (DIN2).
(B5b sec. NHSBSP2005)
Assetto recettoriale:
recettori per gli estrogeni: positività nel 95% delle cellule neoplastiche.
recettori per il progesterone: positività nel 95% delle cellule neoplastiche.
L'indice di proliferazione valutato mediante Ki-67 è risultato pari al 20%"

Le aggiungo anche che dalla risonanza risultava esserci una linfangite per questo il chirurgo è dell'idea di fare prima una terapia chemioterapica per ridurre l'infiammazione ed il tumore, e poi l'intervento che sarebbe cosa di poco conto.
L'oncologo invece, data anche la mia disponibilità a togliere tutto il seno, ritiene che si possa subito operare togliendo gran parte, e forse, tutta la mammella per poi procedere con una terapia.

Sono un pò perplessa, non capisco quale sia la cosa migliore da fare, alla mia età non mi importa di amputare il seno se ciò servisse a curarmi ma nemmeno vorrei fare interventi così radicali senza un giusto motivo.

[#15] dopo  
Utente 223XXX

dimenticavo, la mia taglia di seno è la terza.

[#16] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Si può già subito dire che gran parte dei fattori prognostici allegati ( Recettori positivi,
indice di proliferazione...) sono favorevoli e ciò suggerisce un cauto OTTIMISMO, pur mancando il fattore forse più importante e si riferisce allo stato dei linfonodi ascellari che ancora non co nosciamo.

Sualla seconda domanda è veramente difficile rispondere senza una verifica diretta e qui emerge il limite del consulto online.

Inoltre è difficile a distanza valutare >>dalla risonanza risultava esserci una linfangite >>

Se la sua mammella non è piccola credo che si potrebbe proporre (farà comunque dopo
la radioterapia) una terapia conservativa AMPIA+ rimodellamento della ghiandola residua + analisi del Linfonodo sentinella, già da subito.

Ma questa ultima affermazione la prenda con il beneficio dell'inventario in assenza di una visita e quindi ha scarso valore come parere.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#17] dopo  
Utente 223XXX

dall'ecografia e dalla risonanza i linfonodi non risultavano coinvolti.....
l'oncologo mi ha consigliato di fare subito l'intervento (la prossima settimana) di cui solo domani saprò con certezza se prevede una asportazione radicale del seno o no.
Dopo l'intervento farò una terapia.....
Dottore mi scusi se abuso del suo tempo, ma l'intervento (mettiamo radicale) sarà per me fisicamente debilitativo?la convalescenza sarà lunga?potrò muovermi? So che le mie domande le sembrano assurde considerata l'assenza di una visita ma a fine ottobre mia figlia si sposa e vorrei con tutto il cuore esserci.
Grazie mille

[#18] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
A fine ottobre ci sarà, ma come faccio a risponderle se non sappiamo neanche quale intervento sia stato programmato ?

Ma mi scusi alle stesse domande che fa a noi...qualcuno risponde qualcosa ? perchè mi sembra quanto mai confusa, non tanto per il disorientamento provocato dalla nuova situazione, ma semplicemente perchè non riceve alcuna informazione esauriente.

Se no non scriverebbe a noi.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#19] dopo  
Utente 223XXX

Ha colto nel segno.....sono molto vaghi su tutto....finora non riesco ad avere risposte precise su quasi nulla

Grazie per la sua disponibilità.