Utente 136XXX
Buonasera, scrivo per mia moglie di 29 anni.Lei ha protesi mammarie dal 2011 in seguito ad una mastoplastica additiva. Il 25 luglio 2016 viene punta da una vespa sul fianco destro, in alto,poco distante da seno/ascella. La puntura le ha provocato una reazione cutanea fastidiosa,gonfiore, prurito e rossore per 15 giorni. I giorni successivi ha lamentato un lieve dolore a un "linfondo"ingrossato leggermente di forma allungata vicino ascella/seno. Il 10/8/2016 va a fare una visita senologica ed il referto è il seguente:
Esame senologico: dopo una puntura di vespa al fianco destro comparsa di formazione nodulare dolente e dolorabili lateralmente al seno. Alla palpazione si rileva una piccola formazione nodulare mobile a margini regolari.Attualmente non è più presente dolorabilità. La spremitura dei capezzoli ha dato esito negativo. Micropoliadenia ascellare bilaterale. Protesi mammarie regolari. Nella sede del rilievo clinico,ecograficamente,si rileva una formazione nodulare ovalare francamente ipoecogena con tenue nucleo centrale iperecogeno con diametro massimo di 12 mm. Tale formazione per morfologia,caratteristiche colorDoppler ed elastosonografiche,che, più che con un fibroadenoma , può essere compatibile con linfonodo flogistico reattivo. Attualmente non si rilevano segni di allarme. Monitoraggio evolutivo a 2 mesi.
Chiedo in merito a tale visita se secondo voi è normale ipotizzare un fibroadenoma o è compatibile alla puntura di vespa che ha scatenato tutto? Non capisco come un medico di esperienza elevata possa avere il "dubbio" se si tratta di un fibroadenoma o un linfonodo reattivo. Mia moglie ogni anno ha sempre fatto visite ginecologiche con relativa palpazione del seno e non sono mai comparsi noduli o altro alla palpazione. Grazie buonasera.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
A me invece da quanto descrive sembra legittimo il dubbio e mi fiderei delle conclusioni rinviando una diagnosi definitiva al controllo programmato, anche perché in ogni casi si tratta di lesioni benigne non sospette in senso oncologico.

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 136XXX

La ringrazio della risposta. Una domanda vorrei farla. Cosa le fa pensare a lei nel referto che le ho scritto che sia legittimo il dubbio? cioè quali caratteristiche? Infine potrebbe gentilmente spiegarmi cosa significa Micropoliadenia ascellare bilaterale? Grazie

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ho risposto alla sua domanda

>> Non capisco come un medico di esperienza elevata possa avere il "dubbio" se si tratta di un fibroadenoma o un linfonodo reattivo>>

Vuol dire che ci sono piccoli linfonodi palpabili (evidentemente di aspetto reattivo che hanno scarso significato patologico)
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 136XXX

Grazie della risposta. Alla visita senologica il dottore non ha dato peso ai piccoli linfonodi ascellari ma si è concentrato sul fibroadenoma/linfonodo. Mia moglie ha eseguito analisi del sangue emocromo ad aprile/maggio ed era tutto nella norma. Questi linfonodi piccoli ascellari potrebbero essere per il deodorante spray o la depilazione? Potrebbe essere dovuto alla sua magrezza? Grazie mille

[#5] dopo  
Utente 136XXX

Buongiorno le scrivo nuovamente perché ieri dopo circa 2 mesi dal primo controllo, come aveva detto il senologo siamo stati alla seconda visita. Tramite nuova ecografia il linfonodo si è ridotto e il medico ha detto che l'ipotesi linfonodo flogistico reattivo dovuto alla puntura della vespa è molto probabile, visto che si è ridotto e che non ha l'aspetto ne di un piccolo fibroadenoma ne di un linfonodo patologico. Ha detto poi a mia moglie che se dovesse poi notare cambiamenti anche al tatto, di contattarlo. Da paranoico ipocondriaco però non riesco a capire come un medico specialista non possa dare la certezza al 100% ma solo dire che non è una cosa preoccupante e che non ha l aspetto di cose patologiche. Che ne pensa in merito? La ringrazio anticipatamente per la gentilezza.

[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>non possa dare la certezza al 100% >> che ha ragione a non volersi sostituire al Padre Eterno (^__^)
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#7] dopo  
Utente 136XXX

La ringrazio. Spero che non ci siano problemi ulteriori. Buona serata