Utente 477XXX
(parte 2)
- risultato dei nuovi prelievi istologici, visti e confrontati da più patologi: " Frustoli di parenchima mammario sede di focolaio di adenosi, intensa flogosi cronica ed acuta, ascessualizzante. Tessuto di granulazione esuberante e reazione gigantocellulare del tipo corpo estraneo. B" lesione benigna (European for quality Assurance in breast cancer screening and diagniosis 4° ED 2006".
- il seno dopo la seconda biopsia è sempre più gonfio e dolente ed assumo Zitromax 500 per tre giorni finche si apre una fistola nella parte bassa del seno dove non avevo nulla...con fuoriuscita di liquido giallastro, vado in ospedale e mi fanno una piccola incisione con il bisturi vicino la fistola che si è aperta naturalmente e mi fanno fuoriuscire molto liquido, effettuano un prelievo con tampone che però risulterà negativo;
- effettuo un nuovo tampone (non ricordo però di averli visti disinfettare come nel primo caso) ed il risultato è: stafilococco epidermidis;
- in base all'antibiogramma mi fanno assumere per 10 giorni Levoxacin 500 (uno al dì) e OKI (due al dì) ma ad oggi la situazione non è migliorata continua ad uscire pus dalla fistola che sembra un'ulcera, ed anche il foro praticato per la seconda biopsia si è prima arrossato ed ora rilascia un po' di pus, nell'ultima settimana mi hanno consigliato ed ho effettuato l'applicazione di una pomata cicatrizzante per ulcere che non ha avuto effetto (Iruxol), attualmente la fistola naturale ed il taglietto praticato con il bisturi si sono congiunti allargando l'area interessata.
Cosa posso fare?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non si puo' considerare fortunata anche se in un certo senso lo e' stata perche' un quasi certo tumore mammografico si e' dimostrato ...nulla. Del resto e' noto che gli esiti di un trauma al seno rendono difficile la diagnosi strumentale.

Non e' facile a distanza comprendere la reale situazione oltre a quanto ha descritto Lei.

Quali commenti da parte dei colleghi ha avuto modo di ascoltare fase per fase ?
Per avere una idea piu' accurata...
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 477XXX

Grazie della risposta dott. Catania,
non ci sono stati ulteriori commenti oltre alla lettura dei risultati, tranne all'ultimo tampone risultato negativo qualche giorno fa, quando chiedevo se la pesantezza alle gambe che mi accompagna da una settimana può essere attribuita all'assunzione del Levoxacin 500, in quel caso mi è stato detto "forse è meglio non fare niente e non assumere niente, vediamo il corpo da solo come si comporta".
Io attualmente mi ritrovo con una piastra dura, aderente alla cute, lunga e larga diversi centimetri, che parte dal foro della prima biopsia e giunge sino a sotto metà dell'aureola, (esattamente si ferma a ridosso del capezzolo) oltre una fistola sempre umida di pus giallastro sotto l'aureola.. posso veramente sperare in una guarigione spontanea?
Grazie del tempo che dedica a tutti noi

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Le mie domande perche' nel suo caso la valutazione diretta e' necessaria per comprendere quanto stia succedendo in. assenza di una diagnosi del quadro che descrive.
Gli esiti del tampone suggeriscono un cauto ottimismo per una guarigione, ma da quanto allega non si comprende quale sia l'estensione del processo flogistico.
Ad esempio le mastiti possono essere schematicamente distinte in parenchimatose e colliquative., perche' ad esempio nelle seconde prevale la diffusione all'interno dei dotti che si dilatano in raccolte purulente anche distanti tra loro.
Altra mia domanda : possibile che con una sintomatologia cosi' importante non faccia mai cenno al sintomo febbre , dolore acuto e Rossore ? Non dico ora, ma prima della incisione e della fistolizzazione.

Pur con tutte queste perplessita' e dando per scontata la correlazione mastite-manovre strumentali (rare ma possibili) ,
mi sento, sempre da quanto descrive, di incoraggiarla per una risoluzione completa anche se in tempi non brevi del processo flogistico.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 477XXX

Grazie sempre per il tempo che dedica a tutti noi, io non ho mai avuto febbre (è spesso stata una domanda posta dai medici che hanno effettuato gli esami), dolore e rossore sicuramente si ed esattamente nei seguenti momenti: subito dopo il trauma (un calcio), dopo qualche giorno dalla prima biopsia, immediatamente dopo la seconda biopsia (per 2 giorni e 2 notti ho applicato in maniera continuativa ghiaccio), attualmente il seno è di un colorito normale, non gonfio solo con questa piastra dura molto estesa e la fistola.
I tamponi che ho effettuato sono stati 3: il primo dopo tre giorni dalla fine dell'assunzione dello Zitromaz 500, risultato negativo, il secondo dopo cinque giorni dall'assunzione dello Zitromax 500 (senza previa disinfezione della cute ) risultato streptococco epidermidis, il terzo dopo due giorni dalla fine dell'assunzione del Levoxacin 500, risultato negativo, oggi per sicurezza dovrei fare il quarto tampone anche se piano piano il liquido giallastro diminuisce e la fistola sembra più compatta (anche forse per l'uso della pomata cicatrizzante Iruxol).
Il tampone negativo è un segno positivo?
Grazie

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
quei microrganismi li troverebbero con un tampone anche se non avesse avuto mastite e fistola.
Da quanto descrive credo proprio (non si illuda sui tempi) che tutto stia procedendo verso una risoluzione.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 477XXX

Gent.mo dott. Catania,
mi hanno appena confermato che il quarto tampone è negativo, quindi al momento mi hanno sospeso qualsiasi trattamento per vedere come agisce naturalmente il mio corpo, continuo solo l'uso della pomata cicatrizzante Iruxol sulla fistola/ulcera.
La ringrazio molto e la terrò aggiornata sugli sviluppi della situazione.

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
E' una fistola o una ulcera ?

Perche' se si tratta di uno sbocco fistoloso e' all'interno che deve cicatrizzare prima e non all'esterno.
Ma non tenga conto della mia osservazione a distanza dove e' ancora piu' difficile interpretare i sintomi
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#8] dopo  
Utente 477XXX

Buongiorno dott. Catania,
credo sia una fistola (almeno quando si è aperta il medico l'ha così definita) è sempre umida e rilascia liquido giallognolo anche se mi hanno dato da applicare la pomata Iruxol (che ho letto è un cicatrizzante per ulcere..., infatti non cicatrizza... la pomata ha forse solo compattato un po' la pelle).
Le vorrei chiedere se c'è altro che posso applicare o se privatamente posso inviarvi una foto per farvi vedere lo stato...grazie anticipatamente.

[#9] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Le fistole non si richiudono rapidamente. Importante che la secrezione diminuisca nel tempo sino ad esaurirsi.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com