Utente 478XXX
Gentilissimi Dottori,
sono una donna di 31 anni.

Da qualche tempo ho notato la presenza di un nodulino accanto al capezzolo sinistro, lato interno. Al tatto è tondo e mobile.
Ogni tanto avverto dolore al seno sinistro, come una fitta, ma non in corrispondenza del nodulo o del capezzolo; potrei descrivere la sensazione come una stilettata che sisi irradia a tutto il seno, dura qualche secondo e poi svanisce.

La scorsa estate, dagli esami ematochimici di routine, è emerso un valore di prolattina molto alterato, poi rientrato dopo un mese senza l'ausilio di farmaci.
Potrebbe esserci correlazione tra i livelli di questo ormone e il nodulo?

Non ho mai avuto gravidanze né allattato.

Di cosa potrebbe trattarsi?

Grazie per l'attenzione e, anticipatamente, per la cortese risposta.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
E come facciamo a sapere di cosa possa trattarsi senza una visita anche se da quanto descrive potrebbe trattarsi di un fibroadenoma frequente alla sua eta' ?

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 478XXX

Gentile Dottor Catania,
come darLe torto?

Ciò che più mi interessava sapere era la possibile connessione con la prolattina alta, ma -come giustamente mi fa notare- non conosciamo la natura del problema, di conseguenza non possiamo ipotizzarne la causa.
Spesso ansia e preoccupazione non ci fanno essere razionali.

Prenoterò una visita quanto prima,
una buona giornata e buon lavoro a Lei!

[#3] dopo  
Utente 478XXX

Buonasera Dottor Catania,
oggi ho fatto la visita senologica + ecografia, di cui riporto il referto:

Motivo dell'esame: controllo di tipo preventivo; primo esame per riscontro di nodulo in periareolare mediale sinistra.
VISITA SENOLOGICA
Non alterazioni della cute causate da patologia mammaria.
Capezzoli nella normalità. Nodularità mobile bilaterale, più evidente in periareolare mediale sinistra. Non secrezioni. Segni di idrosadenite ascellare bilaterale, specie a destra.
ECOGRAFIA
Multiple formazioni ipoecogene bilateralmente (5 a sinistra e 1 a destra), le maggiori in sede periareolare interna sinistra di circa 20 mm. Una di esse, in quest'ultima sede, presenta profili policiclici e alcuni spot calcifici nel contesto.
CONCLUSIONI
Quanto descritto a sinistra presenta alcuni elementi di dubbio diagnostico (BIRADS 4a).
È necessario eseguire ago-biopsia ecoguidata ed esame istologico dei prelievi sulla formazione in sede periareolare mediale superiore e successiva rivalutazione del caso.

Sono abbastanza tranquilla rispetto al responso: da quanto mi è stato spiegato è consigliabile eseguire l'esame bioptico poiché il nodulo più grande è stato trovato oggi in primo riscontro, dunque non è possibile conoscerne storia ed evoluzione, né sapere se gli elementi di sospetto sono comparsi col tempo oppure sono sempre stati presenti.
Le sarei grata se volesse darmi anche una Sua opinione,
La ringrazio per tutti i suoi preziosi contributi e Le auguro buon lavoro!