Utente cancellato
Salve dott.... sono una ragazza di 30 anni e in pratica e da qualche tempo che urino spesso, sento che mi si riempe presto la vescica, ogni tanto ho dolorini nella zona delle ovaia che si irradia all inguine e dietro la schiena verso i fianchi, poi ho un cattivo odore a livello intimo, l'urina non fa puzza pero'..cosi ho decido lunedi di fare un urinocoltura e i risultati sono tutti apposto nella norma, l'unica cosa strana che trovo sono la presenza di numerosi urati amorfi nelle urine,c'è correlazione con i sintomi sopra descritti?.. cosa sono? Si possono curare?..grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
la presenza di urati nelle urine è in genere legata alla presenza di urine particolarmente acide, eventualmente condizionata ad una dieta squilibrata in cibi ad elevato contenuto di proteine (origine animale). Di per sé, il rilievo non ha un significato particolare.,Per il momento le raccomanderemmo di continuare a bere molta acqua e ripetere l'esame delle urine tra alcune settimane.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
214199

dal 2015
Grazie dott della tempestiva risposta, io il giorno prima dell'esame avevo mangiato sia a pranzo che a cena carne, e nell'ultimo periodo ne ho fatto abuso, il fatto di sentirmi spesso la vescica piena o meglio dopo aver urinato sento l'incompleto svuotamento potrebbe essere legato alla presenza di questi urati?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
queste modeste alterazioni del sedimento dell'urina non sono in genere correlate alla presenza di disturbi. In considerazione della sostanziale negatività degli esami effettuati, l'interpretazione dei suoi disturbi comporta la conoscenza di altri dettagli e di una visita diretta. Ci chiediamo ad esempio quale sia la qualità della sua funzione intestinale.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
214199

dal 2015
La mia funzione intestinale non è ottima, da sempre soffro di stipsi.....in questo periodo adesso il problema è più accentuato, e da un 10 giorni che mi vengono fitte e devo correre in bagno prendo qualche buscopan e lopemid poi sto 2- 3 giorni senza andarci e poi si ripresenta la stessa situazione. ...adesso sto facendo fermenti lattici e normix....va bene come cura?che correlazione c e tra intestini e vescica?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
la correlazione tra la funzione intestinale e quella urinaria è strettissima per numerosi fattori, primo tra tutti l'estrema vicinanza tra le strutture anatomiche. Nella donna in età fertile la gran maggioranza delle situazioni di infiammazione delle basse vie urinarie, che sia o meno confermata un'origine infettiva, sono in qualche modo legate a problemi di funzione intestinale,che sono estremamente frequenti. Indispensabile quindi concentrarsi sul combattere attivamente la stitichezza e la colite con ogni mezzo. Nei casi più tenaci è indispensabile rivolgersi ad un gastro-enterologo.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
214199

dal 2015
Ok grazie....la cura per il momento va bene? Io mesi fa sono stata dal gastroenterologo e mi aveva dato spasmomen mattina e sera perché avevo pure problemi di gastrite e mi ero sistemata...adesso non so quale cura seguire,cmq questi problemi di attacchi di fitte e corsa in bagno con feci semiliquide li sto avendo da 5 giorni...secondo lei quale cura devo seguire? Visto il sintomo di oggi?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ovviamente deve tornare dal gastroenterologo, questo tipo di terapie deve essere amministrato da uno specialista specifico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
214199

dal 2015
Ok grazie

[#9] dopo  
214199

dal 2015
Dott. Volevo chiedergli un consiglio che riguarda un'altro sintomo, da qualche tempo noto sugli slip delle perdite chiare tipo acqua, potrebbe trattarsi di urina ? Non so come capire se è urina o altro.....ma solitamente ho avuto perdite e si capiscono perché sono scure o gialline o tipo muco, qua invece non capisco , ogni tanto vedo gli slip proprio bagnati,ma si vede che sembra acqua è incolore....come faccio a capire se è urina? Sono preoccupata visto la mia giovane età

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
le perdite di urina sono perlopiù inequivocabili per l'odore caratteristico, d'ogni modo lo specialista in urologia può chiarire definitivamente somministrando una compressa di blu di metilene (o simili) che colora selettivamente le urine.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
214199

dal 2015
Sono inodore

[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
la invitiamo vivamente a non tenere contemporaneamente aperte due discussioni inerenti lo stesso problema.
Le possibilità non sono infinite. Escludendo l'urina, la situazione torna ad essere di interesse ginecologico. Secrezioni genitali possono provenire dalle ghiandole di Bartolini o di Skene. E' perlopiù molto difficile chiarire on certezza, in assenza di altri segni o sintomi associati.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#13] dopo  
214199

dal 2015
Ok grazie consultero' un ginecologo