Utente 468XXX
Salve, scrivo qui per chiedere un consulto riguardo lo scorrimento del prepuzio sul pene. In pratica fino ad oggi (ho 20 anni) non ho mai aperto completamente il mio pene (e infatti non ho mai avuto rapporti sessuali comprensivi di penetrazione). È come se il prepuzio fosse leggermente più stretto ma non so se è una mia paranoia psicologica.. perché alcune volte mentre mi masturbavo se lo lubrificavo riuscivo facilmente a far scorrere il prepuzio sul glande, ma non l'ho mai fatto scorrere tutto, perché ho proprio paura, non so perché.. quando è eretto se non lo lubrifico faccio difficoltà a farlo scorrere fino alla metà del glande, mi fa un po' male il prepuzio ma niente di chissà quanto doloroso. Riguardo il glande, invece, attualmente non è ipersensibile.
Basandomi su casi che ho letto su internet posso dedurre che non sia fimosi, o comunque che non sia così accentuata. Ho letto che sarebbe utile fare ginnastica del prepuzio però ho preso nota anche dei possibili rischi e non voglio peggiorare la situazione, pertanto mi limito a quegli esercizi dove, a pene flaccido, con le mani tiro leggermente il prepuzio da una parte all'altra per farlo elasticizzare, senza farmi male.
Ora, come dovrei muovermi? È possibile avere rapporti sessuali in queste condizioni (che io credo essere per lo più psicologiche)? Se si tratta soltanto del prepuzio leggermente stretto, ma che lubrificato scorre, ci sarebbe bisogno di una circoncisione? C'è il rischio di una parafimosi se in queste condizioni il prepuzio dovesse scorrere completamente sul glande?
Vorrei chiedere un consulto ad un urologo o andrologo, ma senza che i miei genitori lo sappiano perché me ne vergogno.. però prima vorrei anche un vostro parere, anche solo per tranquillizzarmi un po'. Grazie e buona giornata!

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non vi è motivo alcuno che lei si debba vergognare di questo suo piccolo "problema", così facendo parte già col piede sbagliato per la strada che può portare alla sua soluzione. Posto che solo con la valutazione diretta può essere espresso un giudizio e le relative eventuali indicazioni, ci pare proprio trattarsi di una fimosi non serrata. All'urologo sostanzialmente interessa che lei possa scoprire completamente il glande per la indispensabile igiene locale. Questa impone una manovra che costituisce essa stessa una utile "ginnastica prepuziale", se ripetuta anche solo quotidianamente. Gli eventuali disagi collegati all'attività sessuale sono assolutamente soggettivi, solo lei è in grado di quantificarli, ovviamente in base alla propria esperienza sul campo, che a quanto ci dice sia ancora di là da venire. Pertanto ... si faccia coraggio (!) e poi si vedrà.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 468XXX

La ringrazio per la risposta tempestiva! Ma in caso di fimosi non serrata ci sono rischi di una eventuale parafimosi? La risoluzione consiste nella sola ginnastica prepuziale oppure è possibile anche la circoncisione? (Diciamo che vorrei sapere come si procede nel 99,9% dei casi di fimosi non serrata, con tutti i limiti del caso, visto che non può visitarmi personalmente).
Andrò senza dubbio a controllo, però volevo sapere soprattutto se queste mie paranoie (sulla parafimosi e sull'eventuale circoncisione) sono fondate, così da prendere maggior consapevolezza della situazione. Grazie di nuovo e buona giornata!

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La parafimosi è appunto un'evenienza possibile nei casi di fimosi non serrata. D'ogni modo è tutto sommato una complicazione abbastanza rara e può essere evitata con un minimo di attenzione, in particolare nell'attività sessuale. Se si tratta di un prepuzio solo poco compiacente, la "ginnastica" può essere un primo passo da fare, certo è che deve dare risultati apprezzabili nell'arco di qualche mese. Altrimenti, se il fastidio persiste, si possono porre indicazioni alla circoncisione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing