Utente 486XXX
Salve,
Ho 23 anni e il 09-03-2018 ho fatto l'intervento di Frenulotomia.
Il mio dottore di famiglia mi aveva diagnosticato la parafimosi, premetto che dal mio dottore di famiglia sono sempre andato per sintomi come: febbre, placche alla gola, visita oculistica ecc.. mai per farmi dare "un'occhiata" alle mia parti intime. Su consiglio di mia madre comunque decisi di andare prima da lui, il quale mi indicò un urologo della mia zona dove fare l'intervento.
Quando sono andato a fare la prima visita, per poi fissare il giorno dell'operazione, l'urologo mi ha detto che non avevo alcun sintomo di parafimosi/fimosi ma in realtà avevo soltanto il frenulo corto. Abbiamo deciso dunque di fare l'operazione per eliminare il frenulo. Tre giorni dopo l'operazione, durante la visita di controllo il dottore mi ha detto che va tutto bene ed ho iniziato a mettermi una pomata (per 15 giorni, oggi sono già 12).
Oggi, 23-03-2018, a 14 giorni dall'intervento, (indolore e breve) credo mi sia rimasto soltanto un punto. Tutto procede al meglio, mai avuto dolori, giusto un pò di perdita di sangue la sera stessa dell'intervento e il giorno dopo. Un dubbio però mi è venuto nella giornata di oggi: ho avuto un'erezione, seppur non totale, ma comunque la prima da quando mi sono operato (lasciando da parte le eventuali erezioni notturne non volute anche se non ho mai sentito nulla durante il sonno). Ho provato a tirare giù la pelle, poiché ero curioso di vedere se effettivamente adesso riesco a scoprire totalmente il glande quando inizio ad avere un'erezione. Il problema è che mi sembra quasi come prima dell'operazione... ovvero non riesco a scoprire totalmente il glande. Quello che mi chiedo è:
- E' possibile che avendo ancora i punti, non riesca a tirare giù la pelle in erezione? Anche perché quando faccio il bidet per poi mettere la pomata è flaccido, mando giù la pelle tranquillamente, in più so che dovrei aspettare la visita di controllo programmata un mese dopo l'operazione e quindi stare attento a possibili erezioni.
- Oppure è possibile che l'urologo mi abbia diagnosticato solo il frenulo breve, credendo di non avere problemi quali fimosi/parafimosi?
Ringrazio anticipatamente per Vs. risposte.

Cordiali Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

prima di arrivare a precipitose conclusioni, aspetti che la ferita chirurgica sia completamente guarita.

Altri dubbi bene risentire in diretta il collega che l'ha operata.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 486XXX

Gent.mo Dottore,
La ringrazio per la veloce risposta.
Ovviamente so che devo pazientare per la completa guarigione e confrontarmi con il dottore che mi ha operato.
Spero vivamente che il mio problema sia soltanto quello del frenulo breve, dover fare un altro intervento sarebbe una scocciatura credo...
La ringrazio di nuovo, la terrò aggiornata.

Cordiali Saluti.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
[#4] dopo  
Utente 486XXX

Salve Dottore,
nella giornata di ieri ho chiamato l'urologo che mi ha operato per prendere appuntamento per visita di controllo.
Tuttavia mi preme porgere qui una domanda prima di tale visita: quando ho delle erezioni ho riscontrato che la pelle mi scende, seppur a fatica, fin sotto il glande, ma poi mi rimane bloccata e per farla risalire faccio un po' fatica. E' possibile a questo punto che oltre al frenulo breve, abbia anche una leggera fimosi?

Cordiali Saluti.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sì, non è da escludere.

Senta ora il suo urologo di riferimento.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 486XXX

Gent.mo Dott. Beretta,
la ringrazio nuovamente per la veloce risposta.
Non ho descritto nel testo di prima che comunque ho ancora un punto, ma non so quanto possa influire.

La visita è fissata per il 10 aprile, non vedo l'ora che arrivi quel giorno per togliermi ogni dubbio..

cordiali Saluti.

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
[#8] dopo  
Utente 486XXX

Salve Dott. Beretta,
La aggiorno in merito alla visita di controllo che è stata anticipata. Durante la visita il mio urologo mi ha tolto anche l'ultimo punto. Ora sono completamente guarito, tutta via dovrò sottopormi ad un intervento di circoncisione per via di una leggera fimosi. Ciò che Le chiedo qui, e che mi sono dimenticato di chiedere al mio urologo, è se nell'attesa dell'intervento posso avere o meno dei rapporti con la mia partner? Come spiegato al mio urologo quando sono in erezione il glande si scopre a fatica, o meglio il prepuzio scende da solo adesso grazie alla rimozione del frenulo, ma arrivato quasi alla fine mi si blocca e devo provvedere io a liberare totalmente il glande; dopodiché la pelle mi si blocca sotto di esso e non torna su facilmente. Ho paura che durante un rapporto mi si blocchi del tutto e devo aspettare che torni normale per ricoprire e quindi ho paura di sentire del dolore.
La ringrazio anticipatamente.

Saluti.

[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

domanda troppo specifica che richiede comunque una attenta valutazione in diretta della sua situazione anatomica post-chirurgica e quindi bene risentire ora in diretta sempre il suo urologo di fiducia.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#10] dopo  
Utente 486XXX

Salve Dottore. Beretta
La volevo aggiornare che 10 giorni fa sono stato sottoposto ad un'intervento di circoncisione totale. La domanda che pongo qui è: dopo quanto tempo generalmente, non si avverte più il leggero fastidio del glande al tatto o al contatto con gli indumenti intimi? Con le garze non sento quasi nulla e devo dire che mano a mano il leggero fastidio sembra diminuire.
in attesa di Vs. Risposta porgo,

Distinti saluti.

[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
A volte bisogna aspettare anche 30-60 giorni dall'intervento.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#12] dopo  
Utente 486XXX

Buongiorno Dott. Beretta.
La ringrazio nuovamente per la veloce risposta.
In attesa della visita di controllo che dovrò effettuare ad inizio mese prossimo, volevo porre una domanda qui. Ho notato da qualche giorno (credo 7 o 10 giorni dopo l'intervento di circoncisione), nella zona operata al di sotto di dove c'era il frenulo per capirci, ho notato una ferita come se un punto mi fosse saltato; forse per via di qualche erezione involontaria notturna. Non dandogli tanto peso, dato che non sento alcun dolore e durante le erezioni noto che la ferita non si allarga, ricordo che avevo una crosticina in quella zona e che andò via durante la medicazione (o forse era il punto stesso?). Volevo chiedere che se nel caso salti un punto è un problema grave generalmente, o la ferita si rimargina da sola? Ripeto che non sono allarmato poiché non mi da alcun dolore, più che altro dal punto di vista estetico è un pò bruttina da vedere. Spero di essere stato abbastanza chiaro nel porre il problema.

Saluti.

[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

generalmente, se salta un punto, non "è un problema grave".
Non drammatizzi e risenta eventualmente sempre il suo urologo od andrologo di riferimento.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#14] dopo  
Utente 486XXX

Buongiorno Dottore,
La ringrazio per la veloce risposta come sempre.
Ho chiesto un altro consulto nel sito, ma ho paura che non potrebbe essere accettato perché ho scritto male una parola nell'oggetto :)
Provo a porre qui a Lei il quesito: ho chiesto se la leggera sensazione di "secchezza" che ho sul glande sia dovuta al processo di cheratinizzazione? Non ho dolori e non vedo nulla di allarmante su di esso. Pare come se fosse disidratato. Ho avuto la stessa sensazione a pochi giorni dopo l'intervento e adesso sembra essersi ripresentata da un paio di giorni. Ho smesso con la medicazione da 4 giorni (ne erano previsti 15 dopo l'operazione), e sto continuando a lavare con il detergente neutro prescritto dall'urologo. Chiedo informazioni in attesa della visita di controllo che so che mi dirà sicuramente di più.

Distinti Saluti.

[#15] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Segua sempre le indicazioni ricevute e non drammatizzi sul suo "processo di cheratinizzazione".
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com