Utente 483XXX
Salve a tutti. 8 anni fa è nato un progetto che mira a realizzare la ricrescita del prepuzio negli uomini circoncisi applicando la medicina rigenerativa e l'ingegneria tissutale. Da poco è stata conclusa la sperimentazione in vitro sulla decellularizzazione del tessuto in questione che ha dato un eccellente risultato, lasciando completamente intatta la matrice extracellulare; questo ha aperto le porte per la sperimentazione animale che dovrebbe avvenire quest'anno.
Penso che non sia un qualcosa di impossibile... Il sistema nervoso periferico può rigenerarsi. L'unico ostacolo per far funzionare la cosa è connettere le nuove terminazioni nervose a quelle recise.
Da quello che ho letto verrà utilizzata la microchirurgia abbinata alle staminali.
Se la tecnica descritta da questa organizzazione verrà applicata, sarà possibile ottenere un prepuzio identico a quello di prima della circoncisione, per la prima volta nella storia, potrebbe diventare un intervento reversibile!

So bene che dal punto di vista funzionale la medicina ufficiale considera un pene circoncisiso perfettamente funzionale come lo è un pene normale, ma ci sono un'infinità di persone che sognano di ottenere quel pezzo mancante, al fine di riavere quella normale meccanica, aspetto e sensibilità di un pene intatto.

Sarà realmente possibile secondo voi un intervento del genere considerando che siamo in grado di rigenerare interi arti e affrontare interventi rigenerativi molto piu' complessi?

Che ne pensate?

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non si butti in prospettive da "Futurama"; chi vivrà potrà appunto in un futuro prossimo venturo valutare cosa realmente succederà e quanti saranno veramente interessati e che "sognano di ottenere quel pezzo mancante..."

Per il momento le ricordiamo comunque che non possiamo dare qui indicazioni precise e mirate su queste prospettive un pò mirabolanti, da lei indicate, e che tutte le informazioni fornite via internet, anche quelle da lei discusse, vanno sempre prese con molta cautela ed intese solo come semplici informazioni per altro tutte ancora da verificare

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 483XXX

Evidentemente se ci sono scienziati che lavorano dietro a questo progetto, la possibilità che questo un giorno potrà diventare realtà, esiste. Oltretutto ogni sperimentazione clinica effettuata viene pubblicata in Peer review e resa disponibile a chiunque.
Qui non si parla di fantascienza né di prospettive da Futurama, ma di un lavoro che viene svolto da vostri colleghi.

Ogni indicazione presa da questo sito e da internet in generale rimarrà sempre e comunque solo a livello informativo, pertanto non vedo alcun motivo per il quale buttarsi in prospettive non reali, anche perché, se la procedura ancora non esiste, il buttarsi lo vedo fattibile solo in una piscina.

Cordialmente.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

sono gli interventi futuri e non prossimi "in grado di rigenerare interi arti e affrontare interventi rigenerativi molto piu' complessi..." quelli che ancora oggi purtroppo sono da "Futurama".

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com