Utente 432XXX
Buonasera Dottori

Vorrei chiedere un consulto in quanto ancora non ho risolto il mio problema.
Da sempre, credo da qualche anno (2 o 3) accuso una fitta al testicolo destro. All'inizio non
ci facevo caso perché non capitava spesso e quando succedeva pensavo ad una brutta
posizione del testicolo e spostandolo non faceva più male, premetto che non è il dolore
che si accusa con un urto della parte ma come se entrasse un ago (non so come descriverlo
meglio)
Da c.ca 1 anno questo dolore è stato più frequente ma sempre random, magari in una giornata veniva
1 o 2 volte e poteva non venirmi per una settimana o 10gg e ho notato che il testicolo è più gonfio dell'altro
e leggermente più sensibile al tatto.
Deciso per andare dal medico curante per una visita mi dice dopo avermi visitato che si tratta di varicocele
con una punta di ernia dx e di usare slip (in effetti usavo solamente box) e prendere per 20 gg le danase.
Durante e dopo la cura ho avvertito sempre i dolori con la stessa frequenza descritta prima e
dopo avermi visitato di nuovo il dottore mi dice di fare un ecografia e decido di andare da uno
specialista.
Durante la visita mi fa un ecografia e riscontra un infezione e alla domanda del perché o
come sia potuto accadere mi risponde boh...ma subito si riprende e spiega che generalmente
è causata dal trattenere troppo l'urina che passa attraverso la prostata e lasciando dei batteri.
Mi dice di fare una spermicultura con antibiogramma e di iniziare una cura da 15gg con
Levoxigram dopo colazione e medrol dopo pranzo per 7 gg con riduzione a metà e poi un quartodel medrol
nei succes 8 gg. La spermicultura è risultata negativa.
Anche durante e dopo la cura continuo ad avere lo stesso dolore con la stessa frequenza.
Noto da poco e non sempre che accuso il dolore mooooolto lieve quando urino e dopo
5 minuti dall'eiaculazione ma l'ho notato solo 1 volta ed era diciamo forte/fastidioso come quando
sono normalmente in piedi e lo accuso durante la giornata.
Qualche consiglio?
Possibile che questa punta di ernia mi provochi questo fastidio? Potrebbe essere questo da anni il motivo?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Per esprimere un giudizio corretto è indispensabile una valutazione diretta, poiché nonostante la sua volenterosa descrizione solo la visita è in grado di fornire elemnti che nessun accertamento è in grado di surrogare. In particolare, ad esempio il riscontro di un testicolo che si muove troppo (ipermòbile), che potrebbe giustificare il suo disturbo. A questo riguardo ci fa pensare la sua frase "... e spostandolo non faceva più male ...". Meno credito daremmo all'ipotesi infettiva, considerato il lungo periodo durante il quale il disturbo si è presentato e la scarsa efficacia della terapia antibiotica. Il fastidio dell'ernia è perlopiù inguinale, o comunqu principalmente inguinale e solo indirettamente irradiato al testicolo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 432XXX

Grazie Dr per la Sua tempestiva ed esauriente risposta e mi chiedo cos'abbia visto nell'ecogafria per dirmi che si trattasse di un infezione...anche se ha "fotografato" un punto nero...e da quello mi ha dato la cura...
Cmq il testicolo mobile è grave? Potrebbe avere una relazione col gonfiore e la sensibilità al tatto?
Il dolore lo accuso nella parte alta del testicolo e una volta (dopo aver terminato la cura della presunta infezione) mi è successo che mi ha pulsato 4 o 5 volte e ho anche avvertito uno strano dolore che percorreva appunto dal testicolo fino al piede fino all'alluce dello stesso lato ad ogni pulsazione. Potrebbe essere un dolore riflesso o la causa di qualcosa?
Avrei un ultima domanda, mi ero iscritto in palestra ma lo specialista mi ha consigliato di sospendere per quei 15gg, posso riprendere o visto il caso di continuare la pausa?
Grazie ancora per la disponibilità

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il testicolo mobile non è una manifestazione grave, può giustificare fastidi altrimenti inspiegabili. Tenganconto che comunque sintratta solo di una ipotesi formulata in base a quanto lei ci riferisce. Altra cosa è la valutazione diretta. Sostanzialmente pensiamo che lei possa fare la sua vita normale, la vediamo comunque molto attento a rilevare la comparsa di ulteriori disturbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 432XXX

Bunogiorno

Sto provando a cambiare dottore e il gg 15 avrò un altra visita.
Nel mentre vorrei dirVi come sono stato ieri....
Di mattina tutto normale, per tutto il pomeriggio invece ho avuto il dolore sempre a fitte fino le 20 solo a letto il dolore era scomparso e il discorso dello spostamento non ha avuto successo. Questa mattina invece tutto normale con qualche fastidio impercettibile.
E un altra cosa che accuso è la sensazione di avere i zigomi caldi dalla parte interna con la pelle che mi tira ma toccandoli non si avverte questa caloria e nemmeno un rossore visivo. Anche questo "sintomo" è random (giorni no e altri giorni mi veniva mattina per qualche ora e idem il pomeriggio) ed è anche da molto tempo che lo accuso e chiedendo al dottore generico ai tempi mi rispose di non avere nulla.
Proprio adesso lo sto accusando e misuro una temperatura di 37° col termometro. Ad ogni modo, leggendo sul web, sui vari casi che potrebbero portare ad un dolore testicolare parlano anche di febbre ma cmq io a parte questa sensazione non credo di sentirmi altro.
Se sto molto attento è perché da tempo ormai non mi sento al 100%. Da novembre scorso ho fatto anche molte analisi del sangue e l'unica cosa che era leggermente alto ma entro il range era la tiroide e visto che è anche da più tempo che accuso questo dolore mi chiedo se ce una relazione a tutto ciò e se posso fare qualcosa per sentirmi meglio...

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Una epididimite in grado di portare addirittura la febbre dovrebbe essere inequivocabile, sia alla visita diretta che all'ecografia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 432XXX

Lo specialista mi ha assegnato la cura in base all ecografia fatta...
Come faccio a mandarle foto?
Se posso ovviamente...

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per ovvi motivi di sicurezza non non possiamo ricevere ed aprire allegati, cosa che comunque trascende lo scopo del nostro servizio gratuito, che è unicamente informativo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 432XXX

Ho capito, mi scusi
Cosa posso fare per curarmi?

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Noi a distanza non possiamo "curare" nessuno, non essendo corretto prescrivere terapie in assenza di un controllo diretto. Se quanto fatto fin ora non pare essere soddisfacente, le consigliamomdi rivolgersi ad un altro nostro Collega che possa riprendere e serrare le fila del discorso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing