Utente 498XXX
Buongiorno.
Sono un ragazzo di 22 anni al quale, un anno e mezzo fa, è stato rimosso il testicolo destro a causa di una formazione fortunatamente benigna (ciste epidermoide).
Nelle ultime analisi i livelli di testosterone sono risultati molto buoni (è a 26/28 su un massimo di 29).
Purtroppo convivo con la paura di perdere anche l’altro.

Dato che sto utilizzando finasteride 1mg (propecia) per l’alopecia androgenetica, volevo chiarirmi un dubbio.
Qualora, sfortunatamente, dovessi perdere anche l’altro o dovessi andare incontro ad ipogonadismo e, quindi, dovessi ricorrere alla terapia sostitutiva per compensare la totale o parziale assenza del testosterone,
si potrebbe utilizzare anche la finasteride?

Inoltre, spero possiate chiarirmi un altro dubbio.
Un testicolo solo può garantire per tutta la vita gli stessi livelli di testosterone che si hanno con due?

Ho letto che dopo una certa età i livelli di testosterone vanno incontro ad una fisiologica diminuzione.
Io dovrei risentirne di più rispetto ad un uomo con due testicoli?

Spero possiate chiarirmi questi dubbi.
Vi ringrazio per la disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Un testicolo solo basta e avanza per produrre spermatozoi e testosterone a sufficienza. Non si faccia problemi oggi per quel che potra accadere tra 30 anni, non ha senso. La cisti dermoide ha un'origine malformativa, pertanto è difficile che si dimostri in seguito in un testicolo preventivamente sano.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 498XXX

La ringrazio per la risposta.
La mia paura è quella di perdere anche l’altro a causa di una torsione, di un cancro o per qualsiasi altro motivo.
A tutto questo si aggiunge il “dispiacere” per aver perso un testicolo a causa di una formazione benigna di 1,5 cm .
Non poteva essere semplicemente enucleata?
Oppure andava rimosso perché considerato un testicolo malato e, quindi, c’era il rischio vi si presentassero “nuove” formazioni benigne o maligne?
Grazie per la disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'approccio conservativo alle masse testicolari è arduo e raramente attuabile per vari motivi, non ultimo il fatto che il testicolo da cui fosse asportata una massa di un certo volume, sarebbe molto probabilemente avviato alla fibrosi cicatriziale. Comunque non è assolutamente detto che il futuro per il testicolo superstite sia così oscuro. Lei si proccupa forse allo stesso modo di perdere organi singoli, come lo stomaco, il cuore od il pene? Eppure anche questo potrebbe accadere ,,, Stia dunque sereno e non si faccia preoccupazioni inutili.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing