Utente 320XXX
Gentile Dottore buongiorno sono molto preoccupata per il mio papà di 79 anni per l' esito di una radiografia al torace. Nel 2011 il mio papà è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico con l' asportazione del rene dx causa di un tumore di circa 8mm rinchiuso fortunatamente ancora nella sua sacca ( mi scusi Dottore le scrivo come mi viene più semplice, essendo molto ingnorante nella materia ).I dottori erano indecisi se togliere o non togliere il rene viste le condizioni con la quale si presentava il tumore, ma poi per maggior sicurezza decisero di asportarlo. A suo tempo al primo controllo di routine dall' urologo parlai con il Dott. della mia preoccupazione che tale intervento porterebbe ad un possibile tumore al polmone il Dott. mi rispose di stare tranquilla perché le possibilità di formarsi neoplasie tumorali sarebbero state pari a zero viste le dimensioni dello stesso asportato poi assieme al rene. In questi sette anni il mio papà persona con una vita regolare e sana anche prima dell' intervento, non fumatore, non bevitore, (prende il cumadin) esegue sempre annualmente i suoi controlli di routine seguito egregiamente dal suo medico di base. Però nell'ultima radiografia eseguita nell' agosto 2018 mi desta molta preoccupazione. Esito radiografia: Nei confronti di un precedente esame del 3/8/2017 al controllo attuale alla base polmonare di dx si riconosce tenue opacità di circa 1cm. non oltre sostanziali variazioni utile eventuale approfondimento diagnostico mediante TC del torace diretta. L'urologo ha richiesto poi Tac al torace per nodulo polmonare di 1 cm. Lei cosa ne pensa Dottore? Ho tanta paura che sia un tumore maligno! La ringrazio nell'attesa di una sua gentile risposta. Una figlia in ansia

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Ovviamente in questo momento non è possibile fare alcuna ipotesi, in attesa della TAC (e forse della successiva PET). certo è che a 7 anni di distanza dall'asportazione del rene per un tumore comunque molto limitato, pare assai poco verosimile l'ipotesi di una lesione ripetitiva.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 320XXX

Grazie Dr. Piana per la sua gentile risposta, e se mi permette vorrei porle un' altra domanda. L'esame di cui lei mi ha scritto la PET tale esame viene richiesto in base all' esito rilasciato dalla TAC? dovrei quindi preoccuparmi per il mio papà nel caso fosse sottoposto? O è un ulteriore accertamento di una diagnosi di qualsiasi origine sia, o viene solo richiesta per qualcosa di più "allarmante"?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Dipende sostanzialmente dall’esito della TAC.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing