Utente 552XXX
Salve, prima di maggio 2018 le mie erano decisamente abbondanti, dopo quel periodo la quantità si è drasticamente ridotta. Anche la modalità di emissione prima era a lunghi schizzi ora è una sorta di goccia/gocciolina, che esce anche in ritardo di circa 3/4 secondi rispetto l’inizio dell’orgasmo. Se dopo l’orgasmo strizzo un po’ il pene, noto che esce ancora abbastanza sperma.

Esami fatti di recente:
ECO ADDOME COMPLETO: tutti gli organi normali, la prostata ha dimensioni nei limiti, con alcune minute calcificazioni periuretrali .
ECOCOLORDOPPLER TRONCHI SOVRAORTICI: lieve ispessimento miointimale a livello della carotide comune sinistra (0,7mm) che a livello della parete posteriore del bulbo (1,2mm) , la destra è regolare.
ECG E VISITA CARDIOLOGICA nella norma.
VISITA UROLOGICA: normale.
SPERMIOGRAMMA definito normale dall’urologo, (quantità 2,5 ml circa. probabilmente raggiunta per l’astinenza richiesta da questo esame. Prima di maggio 2018 in condizioni analoghe la quantità era palesemente maggiore (mediamente, da sempre, ho un orgasmo ogni 2 o 3... mi esaurisco troppo?) Sullo spermiogramma ho letto che oltre l’80% degli spermatozoi sono senza testa, deformi e immobili, ma l’urologo ha detto che è tutto normale. Il mio medico curante invece dice che sono sterile. L’urologo ha detto che molti uomini si pongono il problemi della quantità del loro sperma, (se avessi avuto problemi psicologici sulla quantità del mio sperma, forse mi sarei fatto domande un po’ prima della mia età).
ESAMI SANGUE: tutto normale (colesterolo totale 215 e HDL tra 50 e 60).
BMI= 22,5.
FARMACI: Alprazolam - 10 gtt/giorno a/b, Tadalafil: 10mg, farmaci che prendo da vent’anni senza regolarità. Forse solo l’alprazolam lo sto prendendo abbastanza regolarmente dall’anno scorso.
Il mio medico curante ha fatto ipotesi:
DISIDRATAZIONE. (io bevo da sempre molta acqua. Non bevo alcolici e non fumo).
ETÀ. Ho 47 anni e non ho segni di cedimento cognitivo, del tono muscolare o funzionale (vedo miei coetanei, o anche più grandi con segni di cedimento fisico che non hanno affatto eiaculazioni minime come la mia adesso)
DEPRESSIONE. Durante una mia precedente depressione ero pure in terapia con Sereupin e non avevo questo effetto ).

Cos'altro posso fare per capire? Devo mettermi l’anima in pace senza spiegazioni? Devo andare da uno psicosessuologo?(allora in quest'ultimo caso dovrei portarci pure il mio partner, perché se io ho le allucinazioni, allora le ha pure lui perché se ne è accorto pure lui)
Ringrazio per l’eventuale risposta vogliate darmi.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In assenza di altri disturbi della sfera urogenitale, a colpo d'occhio si direbbe che questa manifestazione possa rientrare in un effetto collaterale della benzodiazepina, che ha comunque un ruolo di rilassamento della muscolatura, che potrebbe dimostrarsi eccessivo nei complessi meccanismi riflessi che caratterizzano l'eiaculazione. Vi possono essere anche altre ipotesi, diremmo però più difficilmente percorribili. Considerato che sospendere l'assunzione di questo farmaco per qualche tempo non è così impegnativo, diremmo che questa prova sia comunque da fare.
In quanto allo spermiogramma, questa indagine rispecchia solo teoricamente le condizioni fertilità. A parte i rari casi di assenza completa o quasi di spermatozoi (azoospermia) in tutte le altre situazioni la fertilità va provata sul campo e spesso si ottengono anche delle sorprese.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 552XXX

La ringrazio moltissimo, farò questa prova nei limiti della necessità (uso l'alprazolam a/b).
Ha espresso la possibilità di "altre ipotesi difficilmente percorribili"; potrei chiederle dei chiarimenti in proposito?
Come posso escludere altri "disturbi della sfera uro-genitale" oltre gli esami già fatti?
Mi chiedo se avrebbe senso fare un dosaggio del testosterone libero, relativamente alla condizione che ho esposto.
Ringrazio per la disponibilità.

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Tutti gli altri dettagli cui fa riferimento rendono necessaria una valutazione diretta, pertanto trascendono gli scopi e le possibilità di questo nostro servizio informativo gratuito.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing