Utente 453XXX
Buonasera, al mio papá anziano ma autonomo nell'uscire, camminare e ragionare, viene diagnosticata una forte irritazione alla prostata e conseguente cura.
Negli ultimi mesi si presenta anche l'addome gonfio.
Portato al pronto soccorso per un malessere gli viene per prima cosa inserito un catetere dal quale come immediata conseguenza inizia una fuoriuscita di sangue nelle urine. Il catetere per mio padre diventa sempre piú doloroso e si scopre essere il giorno seguente anche istruito, con la conseguenza di fortissimi dolori. Questo sangue nelle urine diventa una emorragia sempre piú forte tanto da richiedere la trasfusione. Ora la mia domanda è questa, è possibile che sia stato proprio il catetere a scatenare questa emorragia?

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
L’inserimento di un catetere, seppure morbido ed eseguito correttamente é talora in grado di un sanguinamento, specie se vi sono fattori predisponenti, in particolare l’ingrossamento benigno od un residuo di urina particolarmente elevato. Stupisce però che questa emorragia abbia assunto tali proporzioni, riteniamo che i nostri Colleghi vorranno indagare ulteriormente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 453XXX

Dottore grazie.Tenevo ad una sua valutazione.In realtá il problema oltre che quello della prostata ingrassata,era anche quello dell'ascite nell'addome.Ora io non riesco a capire se l'aver inserito il catetere abbia poi scatenato,la bomba dell'emoraggia.

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
L’ascite potrebbe corrispondere ad un problema di fegato e con esso un difetto nella coagulazione, in grado di peggiorare qualsiasi tipo di sanguinamento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 453XXX

La ringrazio per le sue risposte che mi aiutano a capire che la situazione era giá compromessa, a prescindere da questa scelta del pronto soccorso di mettere il catetere.
Anche se non riesco a darmi pace,su come sia possibile che durante il ricovero per l'angioplastica,nessuno si sia preoccupato della presenza di ascite.
In ogni caso una volta dimesso dall'ospedale,quando dopo circa due tre giorni siamo andati al pronto soccorso,dove ci sono state una serie di emorragie molto forti,mio padre è deceduto,ed io ancora non sono in grado di capire quale tra queste possa essere stata la causa.

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Purtroppo non abbiamo elementi sufficienti per giudicare una situazione presumibilmente molto complessa. Ci spiace per l'evoluzione sfavorevole.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 453XXX

Grazie Dottore è stato molto gentile e soprattutto anche quello che ha potuto dirmi per me è importante,perchè leggendo tanti suoi consulti ho intuito la sua grande preparazione e umanitá.
Grazie