Utente
Buongiorno Dottori, sono un ragazzo di 22 anni.
Presento da diversi anni un varicocele di grado 5 a Sx e grado 4 a Dx, questo quanto riportato dall'ultima ecografia fatta 2 anni fa.
Sono stato seguito da un Andrologo che mi aveva consigliato di eseguire un intervento radiologico per trattare questi varicoceli, partendo dal Sx.
Tutto ovviamente dopo aver visto spermiogramma e analisi ormonali.
Andai a farmi visitare anche se non sentivo nessun fastidio perché in famiglia ne soffrono.
Eseguii il primo intervento nel 2016, nella prima visita di controllo dopo un mese si evidenziò recidiva di quarto grado.
Un anno dopo mi sottoposti di nuovo all'intervento ma sembrava che a sx le vene fossero state tutte chiuse correttamente e che la recidiva fosse dovuta al varicocele di dx che tramite delle vene sulla superficie del testicolo andavano a "riaprire" quelle di sx.
Capisco benissimo che la mia spiegazione sia un po' confusionaria (sono passati due anni) però così mi fu spiegata.
Il radiologo quindi cerco di eseguire l'intervento sul varicocele di dx ma fu impossibilitato vista la strana disposizione del vaso da cui dovevano passare che formava una spece di gomitolo vicino al rene e dissero di non poter immettere lì il liquido perché rischiavano di causare danni al rene.
A quel punto fini tutto e mi dissero che l'unico modo era quello di operare chirurgicamente ma di farlo più avanti negli anni se avessi avuto difficoltà di fertilità.
Io però dico man mano che il testicolo resta sofferente la situazione non dovrebbe peggiorare?
E sono già 5 anni almeno che li presento.
Quindi quello che vi chiedo è questo... Non so se potete farmi dei nomi di qualche Urologo abbastanza rinomato nel trattare queste cose delle zone di Pistoia, Pisa, Firenze, Lucca, Siena, ho bisogno di qualcuno che possa valutare bene tutto ciò.
So che sarà necessario ripetere Eco, Spermio e analisi però ho paura, cioè in base al grado del varicocele aumentano anche i danni che provoca?

Grazie del tempo dedicatomi.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Per varicoceli così importanti noi certamente avremmo seguito da subito la via chirurgica, considerando che comunque si tratta di interventi di minima invasività, eseguibili anche bilateralmente in empo unico senza alcun particolare problema. Ma questa è slo la nostra opinione, ovviamente.
Per ovvi motivi di correttezza noi non possiamo dare consigli in merito a specialisti o centri di cura con riferimento al caso specifico. E' comunque fuor di dubbio che, essendo passato parecchio tempo, la preparazone ad un eventuale inervento comporterebbe la preventiva ripetizione degli esami che lei stesso ha elencato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Intanto Dottore la ringrazio per la risposta. Capisco che voi non possiate darmi dei nomi a cui rivolgermi, quindi le chiedo come pensa che dovrei muovermi. Nel senso, lei stesso ha detto che sono varicoceli importanti, quindi dovrei cercare uno specialista in varicocele? Cioè la mia perplessità è se io debba cercare un centro specifico o se pensa che possa essere trattata indistintamente da tutti questa situazione.
Grazie

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Non esistono specialsti o centri che si occupino in particolare del varicocele, ci mancherebbe ... ! Essendo una patologia assolutamente banale è alla portata di qualsiasi urologo che abbia un minimo di competenza chirurgica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio dottore, buona giornata