Utente cancellato
Buonasera.
Sono un uomo di 37 anni senza particolari problemi di salute.
Ho da poco eseguito un esame del sangue e delle urine, dopo aver notato, circa un mese fa pulendomi dopo la minzione al mattino, un colore un po' più scuro sulla carta igienica.
Premetto che bevo molto in ufficio, urino spesso e il colore è sempre limpido, tranne il mattino e soprattutto durante il week-end, giorni in cui mi rendo conto di bere meno.
Gli esami del sangue hanno riportato tutti i valori nella norma, tranne un valore
RDW-SD = 38,0 (valori di riferimento 38,7-45,1)
il mio medico ha detto di non dare peso a tale valore.

Per le urine, il referto è il seguente (riporto il dato fuori media):
EMOGLOBINA 0,030
esame microscopico sedimento:
20-40 LEUCOCITI/CAMPO
RARE EMAZIE
ALCUNE CELLULE BASSE VIE

URINOCOLTURA: NEGATIVA

Il mio medico mi ha prescritto un'ecografia addome completo (esame sostenuto oggi 15/04/2009)
questo l'esito (copio/incollo da referto)

"Il fegato ha dimensioni, margini ed ecostruttura regolari; non si
apprezzano segni di lesioni focali.
Le vie biliari, intra ed extra epatiche sono di calibro regolare.
La colecisti e' normodistesa. Non si rilevano nel suo lume
immagini di calcoli.
La vena porta, all'ilo epatico ha calibro regolare.
Il pancreas e' nei limiti volumetrici e morfostrutturali.
L'aorta addominale ha calibro e decorso regolare.
Non vi e' liquido libero in peritoneo.
Non si osservano linfonodi di dimensioni patologiche in ambito
addominale.
La milza ha struttura omogenea e presenta diametro massimo bipolare
di 116 mm circa.
I reni sono in sede, in limiti volumetrici e presentano cortico
midollare di spessore regolare.
si rilevano ectasia delle vie escretrici bilateralmente, senza
evidenti segni di calcoli con visualizzazione del tratto prossimale
degli ureteri; tale reperto al controllo dopplo svuotamento
vescicale risulta immoaificato a dx e lievemente regredito a sn; il
reperto potrebbe essere compatibile con difetto giunzionale ma e'
utile ulteriore accertamento diagnostico mediante URO-TC con mdc.
La vescica e' normodistesa con pareti re90lari, senza segni di
calcoli endoluminali; gli ureteri distal, appaiono lievemente
ectasici con diamo AP di circa 6 mm, senza evidenti calcoli.
La prostata e' regolare per morfologia e dimensioni.
Le vescicole seminali hanno aspetto ecografico nella norma.
Al controllo post minzionale non vi e' ristagno vescicale."

La dottoressa che ha eseguito l'ecografia mi ha consigliato un'UROTAC e un consulto urologico (che farò appena porterò il referto al mio medico di fiducia)

Aggiungo che NON sempre al mattino noto colore "strano" sulla carta igienica (macchiolina rosastra) e quando capita sento bruciore sulla punta del pene durante e subito dopo la minzione.

Vorrei, se possibile, un vostro parere sul quadro sopra descritto

Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Caro signore,
il mio è soltatnto un parere induttivo: di un possibile ostacolo (congenito? acquisito?) all' urina. Aspettiamo urotac e non pensi male.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Dr. Ivano Morra

40% attività
8% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
buongiorno,
la presenza di globuli bianchi nelle urine e il bruciore sulla punta del pene fanno pensare a una infiammazione a urinaria probabilmente a livello prostatico.
la dilatazione bilaterale degli ureteri va giustamente indagata con uroTC e eventualmente anche con una cistografia retrograda con fase minzionale poichè la dilatazione sembra coinvolgere anche il tratto distale degli ureteri.
cordiali saluti
Dr Ivano Morra

[#3] dopo  
108623

dal 2009
Grazie a entrambi per le risposte.

Non penso male, ma ammetto di essere un po' spaventato...

Se la dilatazione fosse congenita, può causarmi problemi?
E quale sarebbe una eventuale cura?

Aggiungo che non ho mai fumato, se questo può esservi d'aiuto...

[#4] dopo  
108623

dal 2009
"Tale reperto al controllo dopplo svuotamento vescicale risulta immodificato a dx e lievemente regredito a sn; il reperto potrebbe essere compatibile con difetto giunzionale ma e' utile ulteriore accertamento diagnostico mediante URO-TC con mdc."

ecco... se non fosse un "difetto giunzionale" (immagino che si intenda "congenito") cosa potrebbe causare questa dilatazione?

[#5] dopo  
Caro signore,
potrebbe essere congenito, ma anche acquisito: calcolo o stenosi. E non si perda coi se . Fan male alla salute. Fino ad ora nulla di maligno e la sua giovane età pensare che così sarà in futuro.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#6] dopo  
Dr. Ivano Morra

40% attività
8% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
buongiorno,
difficile risponderle senza aver prima esguito gli esami di cui sopra.
non si preoccupi e faccia gli esami consigliati al momento non vi è il sospetto di nulla di brutto.
cordiali saluti
Dr Ivano Morra

[#7] dopo  
108623

dal 2009
Buongiorno, scrivo per aggiornarnamento:

il mio medico mi ha prescritto (oltre all'URO-TC che eseguirò domani mattina) l'esame citologico delle urine.

ieri mattina e stamattina ho di nuovo notato (pulendomi) sulla carta igienica una macchiolina più scura... il colore delle urine comunque è giallo...
e avverto bruciore sulla punta del pene (sembra proprio in corrispondenza dell'apertura) da sabato sera...

grazie per l'attenzione

[#8] dopo  
Caro signore,
se brucicchia stia tranquillo. L' ipotesi è stia espellendo un calcoletto. Urini su garze.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#9] dopo  
108623

dal 2009
Buongiorno, scrivo nuovamente, innanzitutto per ringraziare il Dr. Cavallini per l'ulteriore risposta, e per aggiungere che ho eseguito ieri l'uro-tc e iniziato stamattina la raccolta delle urine per l'esame citologico.
Quest'ultima richiesta di esame da parte del mio medico mi ha un po' "spaventato" ...soprattutto quando ho letto il motivo per cui si esegue tale esame.

Un'amica medico (purtroppo lontana dalla mia città) alla quale ho esposto la mia situazione, mi ha detto che tale esame è giusto eseguirlo per eliminare il dubbio di qualcosa di grave, inoltre mi ha rassicurato dicendomi che l'età, l'assenza di fattori di rischio, l'esito dei miei esami (sangue, urine ed ecografia addome) e la presenza, soprattutto da 3 giorni ad oggi, di bruciore prima e durante la minzione, farebbero pensare più ad un'infiammazione/infezione non rilevata dall'urinocoltura che ad altro. Ovviamente - e giustamente - non si è sbilanciata al 100% ma mi ha detto di stare tranquillo ed eseguire l'esame con serenità

Siccome io tranquillo lo sono poco e ho la tendenza a pensare subito alle ipotesi più catastrofiche, chiedo anche a voi se concordate col parere della mia conoscente...

Grazie.

[#10] dopo  
Caro signore,
concordo col fatto che dovrebbe farsi vedere in diretta con l' urotac. Per il resto dorma tranquillo.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#11] dopo  
108623

dal 2009
Grazie Dottore... l'uro-tc l'ho eseguita ieri e ritiro l'esito venerdì...

e vedrò di dormire tranquillo... :-)

[#12] dopo  
Dr. Ivano Morra

40% attività
8% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
gent.le signore,
aspettiamo il risultato della tc, senza possiamo fare solo ipotesi.
cordiali saluti
Dr Ivano Morra

[#13] dopo  
108623

dal 2009
Grazie Dr. Morra
so che si possono fare solo ipotesi, ma qualche esame l'ho già fatto, e l'andare/venire di certi sintomi magari potrebbero indirizzare verso un'ipotesi piuttosto che un'altra...

per dire, il bruciore che coinvolgeva solo la punta del pene ora è più diffuso e sento fastidio a star seduto...

forse sono troppo emotivo... ma in questi giorni non riesco a pensare ad altro e sto vivendo malissimo...

[#14] dopo  
Dr. Ivano Morra

40% attività
8% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
gent. le paziente,
il bruciore e il fastidio a stare seduto fanno propendere per una infiammazione; di più non sipuò dire.
ancora un giornoe ci sarà il referto tac.
cordiali saluti
Dr Ivano Morra

[#15] dopo  
108623

dal 2009
Grazie Dr. Morra per la risposta.

Domani mattina consegnerò anche i 3 campioni delle urine.
A questo proposito, volevo porre un'ulteriore domanda:

ho notato che nelle urine sono presenti dei "filamenti" di colore bianco/trasparente... a dire il vero l'ho notato in tutte le analisi delle urine che ho fatto (anche per visite medico-sportive)

cosa sono?

[#16] dopo  
Caro signore,
tranquillo è muco, probabilmente segno di modica infiammazione del tratto urogenitale inferiore.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#17] dopo  
108623

dal 2009
L'esito della TAC è stato:
"millimetrica formazione litiasica in corrispondenza di un gruppo caliceale nel rene sinistro"
(tra l'altro non ho più osservato macchioline di sangue)
"Le vie escretrici non sono dilatate" (la dilatazione forse era stata causata dalla ritenzione dell'urina per un'ora prima dell'ecografia)

Grazie ancora e scusate il notevole ritardo nell'aggiornamento!