Utente
Buongiorno a tutti,
Il 13 luglio 2020 ho fatto uretrotomia laser per stenosi uretrale media peniena (era a 5 cm dal glande) conseguente a ipospadia che mi aveva lasciato una fistola, quest'ultima curata con successo nel 2000.
La situazione pre-intervento era: minzione piuttosto ostacolata e la 1 minzione mattutina la completavo sempre in 2 riprese; eiaculazione quasi del tutto assente perché lo sperma non riusciva a uscire.
Oggi, che riscontro una certa recidiva, la minzione è diminuita ma è migliore del pre-intervento, la prima minzione mattutina lascia molto meno residuo, a volte zero; l'eiaculazione è rimasta perfetta.
Dopo masturbazione, che pratico 1-2 volte a settimana in quanto single, riscontro una lieve oscillazione della qualità del flussoorinario, che dopo 2 o 3 giorni sembra migliorare un po'. Diciamo che la mia uretra è un po' "ribelle".
Potrei fare una uretroplastica con mucosa buccale, più risolutiva, ma prima vorrei chiedervi:
1 siccome il chirurgo propone dilatazioni uretrali, presumo con cateterini di crescente calibro, ma molte fonti dicono che sono utili e dannose nel caso di stenosi peniena, Voi che opinione avete?
2 se, malgrado la recidiva, la flussometria riscontrasse un valore ancora accettabile e rimanesse stabile, posso non operarmi o alla lunga rischio di rovinare vescica, uretra e prostata?
3 l'uretroplastica con mucosa buccale per la stenosi peniena si può concludere con un unico intervento?
Concludo informandovi che ieri, senza aver fatto nulla, ho avuto una leggerissima irritazione all'uretra nella zona del pene e sto prendendo sciroppo di cranberry.
Grazie, come sempre, per la cortese attenzione.

[#1]  
Dr. Patrizio Vicini

48% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GROTTAFERRATA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Dilatazioni dannose.
Ma il chirurgo che l' ha operata saprà a mio avviso valutare se trattasi di qualcosa di lieve o meno.
Se dall' Uroflussimetria esame urodinamico et è ostruito ovvio che soffre la vescica a lungo andare...
Le stenosi uretra peniena possono essere trattate con mucosa buccale...se in unico tempo o due tempi dipende dalla lunghezza della stenosi uretrale.
Saluti.
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma

[#2] dopo  
Utente
Dott. Vicini, innanzitutto grazie.

Conoscendo bene il mio pene, posso affermare che la stenosi è di circa 1 cm. Sia prima che dopo la stenosi non vi sono altri ostacoli (anche la cistouretrografia minzionale e retrograda lo conferma).

Il problema è che la parte di neouretra dalla stenosi al neomeato, che fu creato negli anni 70 (sono del '75) è sottile e non penso ci si possa operare agevolmente se non "smontando" mezzo pene. Lo stesso urologo dice "che deve prima impiantarmi un pezzo di grasso se no la mucosa buccale non si attacca".

Se la stenosi è piccola come la mia, e considerando la posizione, Lei pensa orientativamente che possa bastare 1 intervento? E se ne occorressero 2, sa dirmi che tipo di lavoro verrà fatto? Il post operatorio è doloroso? (ho già patito abbastanza, ma comunque so gestire il catetere e i bendaggi a casa)

La ringrazio nuovamente.

[#3]  
Dr. Patrizio Vicini

48% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GROTTAFERRATA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Grasso?
Mezzo pene?
1 cm può anche provare prima un uretrotomia laser.
Uretroplastica con mucosa buccale un solo tempo credo sia sufficiente.
Saluti.
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma

[#4] dopo  
Utente
L'urologo ha detto proprio "grasso", forse per non usare un gergo troppo tecnico.
Ho già fatto l'uretrotomia 4 mesi fa ma c'è un po' di recidiva. Chiedevo appunto info sull'uretroplastica perché se al primo colpo l'uretrotomia ha avuto poco successo, penso sia del inutile rifarla; inoltre vorrei risolvere in modo più definitivo onde migliorare la qualità della vita.