Utente
Buongiorno a tutto lo staff, ho 45 anni e nel 2021 farò l'uretroplastica con mucosa buccale, poiché l'uretrotomia fatta questa estate sta recidivando.
La stenosi è "media peniena", poiché nacqui con ipospadia media peniena e nel punto in cui rimase una fistola (curata anni nfa) si è formato tessuto cicatriziale.
La restante uretra è perfetta.

Per quanto riguarda l'intervento in un tempo unico o in due tempi, il chirurgo potrà decidere solo mettendo le mani, sperando che ci siano le condizioni per risolvere in un unica operazione.

In caso contrario dovrà creare una perineostomia, che chiuderà nel secondo intervento.

Per me non è un problema urinare seduto o non procreare.
Più che altro vi domando:
- la perineostomia trascina fastidi o dolori per mesi oppure, a catetere tolto, rimarrà solo la seccatura di urinare seduto?

- è vero che metteranno un secondo catetere sovrapubico?
Quanto tempo dovrò portare i cateteri?

- non per dubitare della Medicina ma la "cicatrice" che rimarrà nel perineo non comporterà il rischio di avere nuove stenosi proprio lì?

Grazie per la pazienza nel rispondermi.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La chirurgia dell’uretra, pur non essendo particolarmente invasiva è molto delicata e, per ottenere risultati validi, deve essere praticata solo da nostri Colleghi che ne abbiano una frequente consuetudine e relativa esperienza specifica. In effetti si tratta di figure piuttosto rare e merita documentarsi preventivamente con una certa attenzione per non andare incontro a delusioni. D’altronde ci si attende che nessun urologo si imbarcherebbe a cuor leggero in pratiche chirurgiche con le quali non ha confidenza. Noi non abbiamo questa vocazione, pertanto possiamo unicamente dire che molte pratiche relative a questi interventi morlto dipendono dalle abitudini dell’operatore.La realizzazione temporanea della uretrostomia perineale non ci pare così comune e certamente riservata ai soli casi più complessi. Più comune è l’inserimento temporaneo dli ua cistostomia percutanea sovrapubica, che in genere si mantiene per alcune settimane dopo l’intervento per derivare le urine e mantenere la situazione il più asciutte possibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Innanzitutto la ringrazio dottor Piana per la spiegazione dettagliata. Quel che leggo mi fa quasi preferire una cistostomia sovrapubica, perché ricordo che nel 2000 portai 3 settimane il catetere al pene, causa fistola, e fu una scocciatura inenarrabile per via degli spasmi che in tarda serata mi venivano ogni giorno .
Dovendo gestire comunque un catetere per via dell'intervento, mi sa dire se la cistostomia sovrapubica è meglio tollerabile o addirittura quasi priva di effetti collaterali, o se devo armarmi di una overdose extra di pazienza?

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Il catetere uretrale viene comunque quasi sempre inserito, quantomeno nei primi giorni. La cistostomia percutanea sovrapubica viene inserita per rendere più agevole il drenaggio delle urine per mantenere il trattop operato il più asciutto possibile. D'ogni modo, come già le abbiamo scritto, ogni operatore ha comunque le sue abitidini e preferenze.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente
Bene.
In base alle vs . esperienze mi sa dire se, quando verrò dimesso, il catetere sovrapubico è più tollerabile di quello uretrale?

[#5] dopo  
Utente
Gentile dottore, sa spiegarmi se il cat. sovrapubico è meno fastidioso di quello uretrale ?

[#6]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Certamente sì. Nelle uretro-plastiche il catetere uretrale viene comunque quasi sempre utilizzato come "modellaggio" almeno nei primi giorni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente
Grazie! Se il chirurgo riuscirà a risolvere in un unico intervento, il catetere rimarrà nell'uretra fino a guarigione delle ferite, modellando l'uretra ricostruita. Se ho ben capito, questo dovrebbe rimanere tappato ed urinerei quindi con il sovrapubico?
Con il sovrapubico inserito, dopo qualche giorno dalla dimissione posso passeggiare con calma all'aria aperta o almeno uscire per far la spesa, usando una sacca urine cosciale, o dovrò rimanere a riposo fino alla rimozione?
Ancora grazie.