Smagliature: ultime evidenze nel trattamento medico-topico

Dr. Cesare Giampietro Data pubblicazione: 01 maggio 2014

Le smagliature o Strie Distensae (SD) sono comuni lesioni cutanee che possono determinare un significativo disagio psicologico per le pazienti che ne sono affette; sebbene siano inestetismi particolarmente resistenti al trattamento, un qualche miglioramento può essere ottenuto con trattamenti topici

SmagliatureLe Smagliature o Strie Distensae (SD) sono comuni lesioni cutanee che possono determinare un significativo disagio psicologico per le pazienti che ne sono affette. Dal punto di vista clinico ed istologico vengono distinte in Striae Rubrae e Striae Albae.

Per striae rubrae si intendono le iniziali lesioni eritemato-violaceo che progressivamente si trasformano in lesioni rugose, ipopigmentate ed atrofiche, simili a cicatrici, le striae albae appunto; una volta avuta tale modifica le smagliature diventano pressoché permanenti e resistenti al trattamento (sebbene un certo miglioramento, in casi selezionati, possa essere raggiunto).

Le Smagliature possono osservarsi nell’adolescenza, nella gravidanza o nell’obesità. Nell’adolescenza si calcola che ne sia affetto circa il 40% dei maschi ed il 70% delle femmine. Nei maschi le zone più colpite sono la zona lombare e glutea e le ginocchia, nelle femmine le natiche, le gambe, l’addome ed il seno.

Fattori di rischio per l’insorgenza delle smagliature sono: la familiarità, l’obesità ed il sovrappeso, la gravidanza, in particolare l’età ed il BMI della donna; altri fattori di rischio predisponenti sono: particolari condizioni cliniche (Sindrome di Marfan S. di Cushing, Anoressia Nervosa), interventi chirurgici o terapie farmacologiche (Corticosteroidi topici, terapia per hiv, chemioterapia, contraccettivi, neurolettici).

Il trattamento non è semplice e richiede costanza.
Una qualche evidenza per la prevenzione è stata riscontrata con l’utilizzo per via topica di acido ialuronico e/o centella asiatica oppure di olio di mandorle seguito da massaggio; secondo la letteratura più aggiornata la maggior evidenza di efficacia per il trattamento medico-topico delle smagliature è stata riscontrata con:

  • Dermoabrasione e/o Peeling con Acido Tricloaracetico (TCA)
  • Silicone per via topica
  • Combinazione di Acido Glicolico, Acido Ascorbico, Zinco Solfato e Tirosina *
  • Acido Glicolico e/o Tretinoina *

 

* la composizione percentuale dei suddetti preparati può essere stabilita solo da medico esperto nel trattamento di tali inestetismi che prescriverà un galenico appositamente formulato. L’efficacia del burro di cacao o dell’olio di oliva è tuttora controversa. Possibili effetti collaterali dei suddetti trattamenti possono essere la comparsa di eritema e/o di iperpigmentazione postinfiammatoria (PIH).

Autore

cesare.giampietro
Dr. Cesare Giampietro Medico estetico

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1995 presso università d'Annunzio.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Pescara tesserino n° 3148.

Guarda anche smagliature 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Medicina estetica?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati