Le protesi peniene di tipo idraulico rappresentano il gold standard come trattamento del deficit erettivo non responder alla terapia medica.

Un recente lavoro di review ha analizzato tutte le procedure di allungamento ed ingrandimento penieno per valutarne la fattibilità contemporaneamente al posizionamento delle protesi peniene.

Le varie tecniche di allungamento penieno includevano: posizionamento protesico sub coronale, manovre aggiuntive durante l’ inserzione protesica come la la sliding technique,o la modified sliding technique, o la multiple slice technique, oppure la circumferential incision e grafting.

Altre tecniche che determinano una percezione di incremento di lunghezza come la ventral phalloplasty, la lipectomia sovra pubica, la sezione del legamento sospensorio.

Ulteriore aumento circonferenziale penieno può essere ottenuto utilizzando l’ acido ialuronico nella corporoplastica incrementale con incremento penieno e del glande.

Le differenti metodiche e procedure variano in complessità e dovrebbero perciò richiedere un adeguato training ed esperienza.

Il massimo incremento in lunghezza peniena appare essere limitato dalla lunghezza del fascio vascolo nervoso penieno.

In conclusione tutte le metodiche di allungamento ed ingrandimento penieno effettuate al momento del posizionamento di protesi peniene appaiono sicure ed efficaci nei pazienti con accorciamento penieno e deficit erettivo severo.

Tutte le varie terapie migliorano significativamente l’autostima personale e la qualità di vita nei pazienti opportunamente selezionati.

 

 

 BIBLIOGRAFIA

1) Sex Med Rev. 2017 Jul;5(3):403-412. doi: 10.1016/j.sxmr.2016.11.005. Epub 2017 Feb 24.

Penile Lengthening, Girth, and Size Preservation at the Time of Penile Prosthesis Insertion.

Tran H1Goldfarb R2Ackerman A2Valenzuela RJ2.

 

2) Advances in Urology Volume 2012, Article ID 314612, 5 pages

Penile Enhancement Procedures with Simultaneous Penile Prosthesis Placement

Tariq S. Hakky,1 Jessica Suber,2 Gerard Henry,3 David Smith,2 Paul Bradley,1

DanielMartinez,1 and Rafael E. Carrion1