0/0
Aggiungi ai preferiti

Parodontopatia


venerdì 24 febbraio 2012 da Utente 224xxx
Buonasera cari dentisti.
Vi scrivo per un problema che mi ha un pò buttato giù.
Preparatevi, stò per scrivere un romanzo.
Ho 28 anni e soffro di parodontopatia diffusa, attualmente stò facendo sedute di curettage. Feci anche delle analisi ma era tutto apposto.
Le cause sono molteplici, fumo,predisposizione genetica, e soprattutto cattiva igiene orale.
A 20 anni ho avuto una brutta gengivite ulcero necrotica acuta, al tempo mi trovai all'estero e il dentista appena mi vide mi disse che la mia gengivite era talmente grave da pensare ad un tumore o all'aids! Ovviamente feci tutte le analisi e avevo solo un brusco calo delle difese immunitarie con conseguente ingrossamento dei linfonodi sotto la mascella e sotto al mento, causato da un brutto stress, fumo e cattiva igiene.Mi prescrisse l'antibiotico e il colluttorio.Dopo due mesi ritorno al mio paese e la dentista del tempo mi fece una semplice pulizia dentale, ma anche dopo ho sempre avuto le gengive un pò gonfie.A detta della mia parodontologa, mi avrebbe dovuto fare anche una pulizia sottogengivale, o un irrigazione...non ricordo bene quest'ultimo termine, e anche quella è una delle cause del mio tartaro sottogengivale che a detta della mia parodontologa si è formato in 7 anni.
Il mio terrore ora è che una volta guarita ritorni questa brutta cosa...me mi venisse una semplice gengivite dovrei fare anche la pulizia sottogengivale? Cosa dovrei fare per evitarla?ho smesso anche di fumare...sono passata da 30 sigarette a ZERO da ormai due mesi.
Vi ringrazio per l'attenzione, e scusate tanto se mi sono dilungata un pò troppo.
Ma sono un pò giù e ho bisogno di sentire tante campane.
Un caro saluto!
ps: I DENTI LI HO TUTTI....

Segnala allo staff

Risponde dal 2010 l'odontoiatra

Dr. Lorenzo Ricapito

Risponde in:
Odontoiatria e odontostomatologia

Esercita a:
BARI (BA)

Indice di partecipazione al sito: 20
indice medicitalia
Gentile utente,
esiste una categoria di odontoiatri che si occupa più o meno in maniera esclusiva di parodontologia. Questi colleghi sapranno certamente valutare la sua situazione, consigliarle se effettuare qualche intervento specifico alle sue gengive in maniera da renderle più gestibili da lei come igiene domiciliare. Inoltre le potranno dare consigli sui tempi di richiamo periodico per l'igiene professionale in genere effettuata da un/una igienista dentale dopo averle dato le dovute nozioni di istruzione all'igiene che fanno al caso suo.
Cordiali saluti.

Dr. lorenzo ricapito.
Perfezionato in Pedodonzia.
Perfezionato in Odontoiatria dello Sport.
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
sabato 25 febbraio 2012, dopo 1 ore
replica #1  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2009 l'odontoiatra

Dr. Sandro Compagni

Risponde in:
Odontoiatria e odontostomatologia

Esercita a:
LATINA (LT)

Indice di partecipazione al sito: 22
indice medicitalia
Mi è parso di capire che già è seguita da una collega parodontologa, pertanto dovrà essere lei che potendola visitare e monitorare potrà certamente rispondere in modo più appropriato alle sue domande.
Comunque il suo stile di vita dovrà necessariamente cambiare, come già cominciato smettendo di fumare, dovrà dopo le dovute sedute professionali a studio, seguire una corretta e scrupolosa igiene domiciliare ed essere continuamente monitorata dallo studio.
Saluti

Dr. Sandro Compagni
Parodontologo
s.compagni@libero.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
sabato 25 febbraio 2012, dopo 7 ore
replica #2  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2009 il medico

Dr. Alessandro Cappelli

Perfezionato in:
Odontoiatria e odontostomatologia
Chirurgia odontostomatologica

Esercita a:
ASCOLI PICENO (AP)
AMANDOLA (FM)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 217
indice medicitalia
Il mio terrore ora è che una volta guarita ritorni questa brutta cosa...me mi venisse una semplice gengivite dovrei fare anche la pulizia sottogengivale?
la parodontite( perche' di questo probabilmente si tratta) non guarisce mai nel senso che comunemente si da' al termine di guarigione.
Esendo legata alla placca si arresta nella sua evouzione se la placca e' sotto controllo, riprende se non lo e'.
Sta a lei evitare che questo accada con una igiene scrupolosissima e controlli periodici dal parodontologo/igienista.


Cosa dovrei fare per evitarla? Veda sopra
ho smesso anche di fumare...sono passata da 30 sigarette a ZERO da ormai due mesi.
Ottimo ,ma il fumo e' solo uno dei fattori che aggrava la malattia,la causa e' sempre la placca.
Niente placca uguale niente malattia(fumo o non fumo)

Dr. Alessandro Cappelli
Medico Odontoiatra- Master in Chirurgia Orale e implantologia avanzata
www.studiodontoiatricocappelli.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
sabato 25 febbraio 2012, dopo 4 ore
replica #3  -  Segnala allo staff
 

Vuoi rispondere al consulto?


Esegui il login (registrati e inserisci utente e password) e ti apparirà in questo spazio arancione il modulo in cui scrivere il testo.
 
 
 
 
advertising
 

Gratis il tuo consulto ora!

 
 
 
 
 
 
Medicitalia sito dell'anno 2013
ultima modifica:  01/07/2014 - 3,84        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy