0/0
Aggiungi ai preferiti

Il dolore degli altri


lunedì 19 marzo 2012 da Utente 244xxx
Gentile dottore,
sono una mamma di una ragazza di 15 anni, sposata. Sono sempre stata abbastanza "sensibile", ma certamente lo sono diventata maggiormente da quando ho avuto mia figlia. Vivo nella paura di ammalarmi, di morire e di lasciarla da sola e questo mi rendo conto (nonostante ovviamente non le dica MAI nulla di tutto questo) che comunque lei potrebbe percepire questa mia profondissima ansia e crearle dei problemi. Lo so che se anche morissi mia figlia avrebbe suo padre o altri parenti, ma il saperla figlia unica mi atterrisce. Ultimamente questo mio disagio si è fatto ancora più forte: mia sorella è stata operata di tumore al seno e io (oltre che essere in sofferenza per mia sorella) mi sento "in pericolo" per la familiarità. Ieri mio marito mi ha dato una notizia bruttissima: la madre di un aamica di mia figlia sta morendo ed io non penso ad altro da ieri mi faccio un carico terribile di questo dolore sono in pena fortissima per l'amica di mia figlia che non sa molto del male della madre e non sa che fra poco lei non potrà più abbracciarla... mi creda io soffro in modo anormale, mi faccio carico del dolore degli altri in modo non normale, non equilibrato.Una notizia così ha il potere di gettarmi nella disperazione e nella paura più profonda.Ho spesso pensieri negativi e nonostante cerchi di correggerli non ci riesco.. Ho tanto bisogno di aiuto.
Grazie

Segnala allo staff

Risponde dal 2011 lo psicologo

Dr. Alessandro Raggi

Risponde in:
Psicologia

Specialista in:
Psicoterapia

Esercita a:
NAPOLI (NA)

Indice di partecipazione al sito: 84
indice medicitalia
gentile signora, ha provato già a rivolgersi ad uno psicoterapeuta?
Il disagio che lei avverte, i pensieri negativi e l'ansia ad essi associata è comune nelle forme lievi di depressione, che potrebbero spiegare le sue difficoltà. Non è possibile evidentemente effettuare o confermare diagnosi online, pertanto sarebbe più che indicato un consulto dal vivo.
Cordiali saluti.

Dr. Alessandro Raggi
psicoterapeuta psicoanalista
www.psicheanima.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 19 marzo 2012, dopo 3 minuti
replica #1  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2009 lo psicologo

Dr. Franca Esposito

Risponde in:
Psicologia

Specialista in:
Psicoterapia

Esercita a:
ROMA (RM)

Indice di partecipazione al sito: 185
indice medicitalia
Gent.ma Signora,
La Sua paura, angoscia direi, non e' una cosa anomala. Purtroppo abbiamo quotidianamente occasione di verificare la presenza della morte. Incidenti, malattie.
Nel Suo caso questa angoscia e' amplificata dall'affetto e dalla preoccupazione verso Sua figlia.
Queste emozioni negative vengono provate da molti, ma nella maggior parte dei casi dei meccanismi di difesa che scattano automatici fanno si' che noi tutti le scacciamo illudendoci quasi di essere immortali.
Ma possono esserci persone che, come Lei, non riescono a scacciare tali incongrui pensieri e possono esserci a questo atteggiamento varie motivazioni che vanno analizzate ed elaborate.
Per questo penso sia opportuna una valutazione di uno psicologo psicoterapeuta.che l'aiuti a dare senso a questo disagio. Da sola purtroppo non e' possibile trovare dei rimedi efficai
Cordiali saluti

Cordialmente,
Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicologa Psicoterapeuta dinamic <ffrancesp@yahoo.it>
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 19 marzo 2012, dopo 8 minuti
modificato dopo 7 minuti
replica #2  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 lo psicologo

Dr. Giuseppe Santonocito

Risponde in:
Psicologia

Specialista in:
Psicoterapia

Esercita a:
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 1110
indice medicitalia
L'ansia sembra certamente presente, ma sembra ancor più evidente una sensibilità estrema, che le fa sentire in modo marcato ciò che succede attorno a lei, e dentro di lei.

Tanto che forse si potrebbe dire che la sua non è paura della morte e delle malattie di per sé, ma preoccupazione di poter lasciar sola sua figlia e sapere che ne soffrirebbe.

In altre parole, anticipa e fa sua la possibile sofferenza di sua figlia per la sua scomparsa.

Si potrebbe dire che è così?

Cordiali saluti

Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 19 marzo 2012, dopo 1 ore
replica #3  -  Segnala allo staff
 

Vuoi rispondere al consulto?


Esegui il login (registrati e inserisci utente e password) e ti apparirà in questo spazio arancione il modulo in cui scrivere il testo.
 
 
 
 
advertising
 

Gratis il tuo consulto ora!

 

Dizionario Medico:

 
 
 
 
 
Medicitalia sito dell'anno 2013
ultima modifica:  01/07/2014 - 0,42        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy