Utente 126XXX
Sono un ragazzo di 36 anni e dopo l'assunzione di n° 2 pastiglie di peflox da 400mg ho iniziato ad accusare fastidio ad entrambi i tendini d'achille. Non ho continuato oltre con l'assunzione di tale farmaco, ma a distanza di alcune settimane i dolori sono sempre più intensi. Sul web ho trovato varie informazioni riguardo le tendiniti da chinoloni, ma non ho capito se è possibile, anche se poco probabile, che solo 800mg di pricipio attivo possano dare luogo a calcificazioni o microcalcificazioni tendinee ( con i chiari danni permanenti che tali comportano ) o se si tratta solo di un'infiammazzione reversibile. Il mio medico dice che solo l'assunzione prolungata del farmaco può creare seri problemi, ma io non sono molto tranquillo.
Grazie
Fabio

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Liberatore
32% attività
0% attualità
12% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Le calcificazioni sono l'esito finale, a distanza di tempo, di una infiammazione, che deve in genere essere di una certa severità.
I chinolonici hanno come effetto collaterale questa del "danno" a livello muscolo-tendineo, ma sono generalmente infiammazioni che si risolvono spontaneamente in breve e con il completo recupero.
Stia tranquillo.
[#2] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la risposta
Saluti
Fabio