Utente 674XXX
gentili dottori,
nel cunnilingus le probabilità di contrarre il virus HIV sono le stesse di quelle di contrarre il virus dell'herpes, o l'eventualità di un contagio con l'HIV è più remota? ve lo chiedevo perchè leggendo su internet si trova di tutto (anche troppo) ma un po' ovunque leggo che mentre le probabilità di contrarre l'herpes sono abbastanza elevate, per quanto riguarda l'HIV il rischio è "solo teorico" (nessun caso documentato). per quanto riguarda la gonorrea invece è presente un rischio? qualora non avessi sintomi (faringite, mal di gola) è possibile che comunque sia affetto da gonorrea, e che questa col tempo possa portare a complicanze ?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
andiamo per gradi.
1) Cunnilingus con patner affetta da manifestazione erpetica genitale florida...il rischio c'è, eccome.
Se la patner non ha la manifestazione nessun rischio.
2)HIV...vari studi dimostrano che sia rischioso il contatto tra mucose buccali e genitali.
3)La gonorrea si manifesta con una incubazione di circa una settimana con un fatto faringitico acuto in non oltre il 15% dei pz (simile all'angina eritematosa banale).
Negli altri casi è asintomatica (ma pericolosa lo stesso).
Basta fare un tampone.
Non le enumero le complicanze per non incrementare ansie inutili.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 674XXX

Iscritto dal 2008
in altri termini, un cunnilingus espone a quali malattie?
a parte l'herpes, che a quanto so è abbastanza innocuo, quali malattie PERICOLOSE possono essere contratte ? (so della clamydia che non trattata può essere molto pericolosa)

quali esami vanno fatti dopo un evento di questo tipo, in che modalità, e dopo quanto tempo?
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

questa pratica sessuale espone ad ogni tipologia di malattia sessualmente trasmissibile: non credo lei possa trarre giovamento dalla ricerca di percentuali statistiche, né di esami spiccioli: molto meglio affidarsi allo specialista del settore (il DermoVenereologo) e chiarire con lui per bene la storia clinica.

carissimi saluti
[#4] dopo  
Utente 674XXX

Iscritto dal 2008
grazie mille delle risposte. a breve (in ottobre) dovrò fare la mappatura dei nei annuale presso un vostro collega che opera nella mia città e ne approfitterò per chiedere delucidazioni riguardo questo argomento.

concludo con due ultime domande:

- condilomi e tricomoniasi contratte oralmente danno segni specifici, o i sintomi sono gli stessi dell'infezione genitale?

- i test diagnostici (i tamponi uretrali) per clamidia, trichomonas e gonorrea sono efficaci e affidabili anche se l'infezione è avvenuta per via orale ? ed i periodi finestra quanto sono estesi?

mi scuso per l'ansia (che può infastidire) ma vi ringrazio infinitamente per il servizio offerto.