Utente 128XXX
Salve,
ho 35 anni e quasi 2 anni fa ho avuto un grosso IMA. Ventricolo sx parecchio compromesso ricostruito e ridotto in ventricoloplastica, 2 valvole plasticate e 1 BPAC.
Alla luce del caso di Napoli sono parecchio preoccupato delle possibili ripercussioni che il virus AH1N1 potrebbe avere sulla mia salute.
Qualche consiglio?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Nulla di diverso, allo stato attuale delle cose, con i consigli dati per l'influenza "normale". Sarebbe bene a scopo profilattico eseguire il vaccino (come peraltro le sarà già stato consigliato per l'influenza tradizionale).
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dottore,
lo scorso inverno, come da lei intuito, ho fatto il vaccino per la "tradizionale".
Ma la circostanza del cardiopatico napoletano stroncato dalla "suina" unitamente al fatto che prima di novembre non vi sarà vaccino mi preoccupa non poco.
Nei 2 mesi di esposizione c'è qualcosa di pratico che posso fare per evitare i rischi, o devo incrociare le dita e rassegnarmi?
[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Non è questione di suina o altro.
In un cardiopatico cronico e nel caso del deceduto di Napoli, pare anche in non buon compenso emodinamico ogni patologia anche minima puo' fare precipitare la situazione.
Lei deve usare le stesse precauzioni che ha utilizzato l'anno scorso quando anche nella sua città ci sono stati casi di influenza tradizionale.
A disposizione per ulteriori consulti