Utente 857XXX
Buongiorno,
sono una ragazza di 27 anni. A dicembre 08 sono stata operata di un k mammario di 8 mm G3 negativo agli estrogeni e negativa al erbB2. Micrometastasi al linfonodo sentinella. Svuotamento ascellare tolti 29 linfonodi. Chemio cmf per 2 cicli sospesa perchè allergica, quindi 4 cicli di taxolo divisi 3 volte al mese una di sospensione per 4 mesi + 26 di radioterapia.

Vorrei sapere come mai quando avevo fatto le analisi del sangue ed il nodulo c'era già i marcatori tumorali erano normali. Come è possibile?

Secondo lei le cure sono state appropriate?

La rangrazio in anticipo.


[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

i marcatori tumorali non hanno una sensibilità ed una specificità del 100%. Così come possono risultare alterati in caso di patologia benigna, possono risultare normali in presenza di una neoplasia. Essi vanno tenuti in considerazione nel follow-up di una patologia tumorale già accertata qualora prima di un qualunque intervento terapeutico siano elevati. Le cure sono appropriate in virtù di una patologia non avanzata. Mi raccomando uno stretto follow-up.

Cari saluti

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
[#2] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Concordo con il collega Pastore sull aspecificità dei marcatori tumorali

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=39170

e sulla necessità (età, G3,recettori negativi, N/sent con micrometastasi) di un follow-up intensivo nonostante il piccolo volume del T primitivo

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=53714