Utente 196XXX
salve sn un ragazzo di 24 anni ed il mio nome è antonio,ieri mattina mi sn sottoposto ad un ecg sotto sforzo cn esito così descritto : il paziente ha raggiunto il limite d'esercizio al quinto stadio di bruce,nessun segno riferibile ad ischemia,normale/sufficiente aumento dei valori di PA e FC,nessuna significativa anormalità del ritmo.

altri dati :

C.A 125/75

Ecg : normale ritmo sinusale,segni egrafici di moderata IVSx

premetto che ho sempre praticato sport anche se ad intermittenza,prima giocavo anche a calcio ora solo qualche partita saltuariamente,da sei anni ormai pratico Body Building in modo natural e costante anche se solo da quasi quattro a buon livello.. da cm ho capito un ipertrofia del ventricolo sinistro in questo caso è da rincondurre al tipico "cuore d'atleta" ovvero un adattamento anatomico e fisiologico del cuore anche se principalmente è da associare all'ipertensione in una persona sedentaria o almeno che nn pratica attività fisica costante.

vorrei dei pareri in merito,in attesa di una vostra risposta vi ringrazio anticipatamente e vi invio distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
22440

Cancellato nel 2008
Il segno elettrocardiografico "d'ipertrofia ventricolare sinistra", con l'avvento dell'ecodoppler cardiaco, non ha più valore diagnostico ma solo orientativo. Quindi l'eco cardio è l'esame che può formulare con più precisione questa diagnosi che, qualora fosse realmente presente, dovrebbe essere per forza correlata all'attività sportiva. Quindi... Non farei un bel niente. Auguri
[#2] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
A 24 anni non capisco la ragione per cui si sia sottoposto ad un test da sforzo...
Sarebbe utile sapere se aveva dei sintomi clinici oppure se ha fatto questo esame in quanto pratica sport a livello agonistico o semi agonistico...
Diversamente fare degli esami in maniera casuale è assolutamente inutile sia economicamente (si sprecano soldi e basta) che sul piano pratico (talvolta alcuni esami hanno dei falsi positivi e non fanno altro che indurre ansia e paranoia in chi li esegue costringendolo a successivi accertamenti)
Riguardo la ipertrofia ventricolare come ha già evidenziato il collega di Bologna andrebbe valutata con un ecografia....
Se ha dei dubbi sul buon funzionamento del suo cuore faccia una visita clinica da un cardiologo di sua fiducia prima di eseguire inutili esami.
cordiali saluti

Dr GM Actis Dato