Utente 267XXX
Nel maggio 2005, all’età di 47 anni, sono stato sottoposto ad orchifunicolectomia sinistra per una neoplasia al testicolo six.
Esame istologico: La neoformazione è rappresentata da seminoma.
La neoplasia è limitata al testicolo.
Presente neoplasia germinale intratubulare inclassificata e infiltrazione della rete testis con associati aspetti di diffusione pagetoide. Non evidenzia di infiltrazione della tonaca albuginea né della vaginale. Funicolo indenne da infiltrazione neoplastica.
06/06/2005 eseguo una TAC con contrasto con questo esito:
Non sono apprezzabili linfoadenomegalie mediastiniche ed ilari polmonari.Non lesioni focali a
carico del parenchima polmonare; non versamenti pleurici.
A livello sotto-diaframmatico, non lesioni focali a carico del parenchima epatico, splenico, pancreatico, surrenalico, renale.
Non linfoadenomegalie intra e retro-peritoneali. Nulla da segnalare a livello del piccolo bacino.
Esami del sangue, Alfa Feto proteina, BHCG, CEA nella norma.

L’oncologo non mi ha prescritto nessuna terapia ma solo controlli ogni 6 mesi.con esami del sangue, markers, TAC con contrasto e ecografia addome .
Esami del Dic.05 – Lug.06 tutto nella norma.

Tac del 17/01/07 con questo referto:
Presenza di linfoadenomegalia retroperitoneale estesa dall’origine delle arterie renali fino subito prossimamente alla biforcazione iliaca in regione latero aortica sinistra dove l’elemento di taglia massima presenta diametro pari a mm. 37 con ipotensità centrale da colliquazione.
Invariata la restante obiettività T.C. rispetto alla precedente indagine.

Markers normali: CEA 0.57 – BHCG tot. sierica 6.57 – Alfa feto proteina 2.02 – emocromo – Gpt Got normali , Ves 30.

Sono ora in attesa di effettuare una PET – TC ed eco addominale a fine febbraio.

Preciso che nel periodo in cui ho effettuato la TC e gli esami del sangue a gennaio 2007 ero influenzato e avevo avuto disturbi gastrointestinali.
Non è troppo il tempo di attesa dalla Tac (17/01/2007) alla Pet?
Di che cosa si tratterebbe, forse di una recidiva del tumore al testicolo
[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Caro Utente,
se pur risulta impossibile fare una diagnosi certa senza le immagini alla mano, le descrizioni del referto depongono verosimilmente per una compromissione delle stazioni linfonodali pre-iliache e lomboaortiche che rappresentano la principale via di diffusione metastatica del seminoma non eradicato chirurgicamente. La Pet è un esame utile che può aggiungere un dato "biologico", cioè di attività metabolica, delle sedi già identificate morfologicamente alla TC.
Il buon senso ci impone di sottoporsi il prima possibile agli esami richiesti per avere una diagnosi più acclarata e accurata possibile delle sedi e del tipo di recidiva e per programmare un trattamento idoneo.
In ogni caso, il seminoma, come comportamento biologico, è molto chemio-radiosensibile, e le possibilità di curabilità della malattia, a qualunque stadio, sono molto alte.
Per le attese della PET, se ci volesse ancora più di un mese può informarsi presso altre sedi, dove la lista di attesa è molto più breve, per la disponibilità di diverse apparecchiature diagnostiche PET o TC/PET(come nel mio Istituto).
cordialità
dr.Filippo Alongi
[#2] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2007
questo è l'esito della pet-tc total body:
L'indagine Pet ha documentato la presenza di aree di aumentato metabolismo in corrispondenza di multiple adenopatie, tra loro contigue, in sede lombo-aortica sinistra.
Tali reperti (SUV max = 6.59)appaiono ascrivibili con maggior probabilità a lesioni eteroformative.
Non si rilevano ulteriori aree ipermetaboliche a carico dei restanti distretti corporei esaminati.
Devo fare qualche terapia oppure è consigliabile un intervento chirurgico?
Attendo con ansia un Vs.parere. Grazie.
[#3] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Ne parli con il suo oncologo. Sono sicuro che l'avrà già fatto
La strategia terapeutica è una cosa molto delicata e deve essere personalizzata. Probabilmente sarà necessario cominciare una chemioterapia.
Cordialità
[#4] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2007
Il mio oncologo mi ha prescritto 4 cicli di Peb (2 cicli poi Tac e poi altri 2 cicli) che comincerò il 12/03. Nel frattempo devo fare una spirometria basale.
Può andare bene come tipo di chemioterapia?
Perchè questo esame ai polmoni? La Pet - Tac non ha riscontrato nulla ai polmoni.
Grazie.
[#5] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Per valutare la sua funzionalità respiratoria pre-chemioterapia,in vista di possibili effetti collaterali dal trattamento sistemico.
[#6] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2007
Dopo 4 cicli di PEB (terminati il 25/5/07 e non sempre completi perchè alcune volte non ho potuto fare il richiamo del 8 o 16 gg della Bleomicina)
sono stato sottoposto a T.C. Toraco-Addominale con questo referto:
Netta riduzione delle dimensioni della componente linfo-adenomegalica retroperitoneale precedentemente segnalata il 17/1/07 estesa nel senso cranio-caudale su circa 34 mm con diametri trasversi massimi pari a 13,5 mm. Invariato il restante referto T.C.

Ora l'oncologo mi dice che devo fare altri 2 cicli di PE (senza Bleomicina)e poi si vedrà per della radioterapia.

Non è più semplice togliere questi linfonodi?

Grazie

[#7] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2007
Ho firmato per non fare gli ulteriori 2 cicli di chemioterapia (che il mio oncologo chiama di mantenimento), dopo aver consultato un urologo oncologo specialista sui testicoli, che mi ha consigliato di fare una Tac a 45 gg.poichè essendo l'adenopatia di soli mm 13 non dovrebbe più essere attiva, poichè ulteriori cicli di chemioterapia Peb non avrebbe cambiato aggiunto altro alla mia situazione.
Saluti
[#8] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Una PET potrebbe contribuire a far luce sull'attività cellulare residua (SUV patologico). Ricordo infatti che dal punto di vista morfologico è difficile definire un linfonodo di 1,3 cm come patologico o non patologico. Il cut-off è per molti 1cm. Per altri 1,5cm. A tal scopo consiglio una PET con FDG per aggingere il dato biologico funzionale che la TC non potrà mai fornire.
Cordiali Saluti
[#9] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2007
Vorrei sottoporre i miei esamia 45 giorni dal termine dell'ultimo ciclo di chemioterapia:
PET-TC con FDG total body del 9/7/07 non ha documentato alcuna area di aumentato metabolismo

Tac addome con contrasto del 12/7/07 con questo referto: è aprrezzabile piccola sfumata area di ipodensità al lobo sinistro del paranchima eptico in sede sub-glissoniana di circa 8 mm, apprezzabile solo in sede venosa.
Si consiglia verifica mediante RM epatica.


Di cosa si tratta?
Grazie.
[#10] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Verosimilmente si tratta di una malformazione vascolare epatica non connessa alla patologia trattata di natura tumorale.
Comunque uno studio più approfondito con RMN o ETG può essere utile ad una migliore caratterizzazione.
Cordiali saluti

Dr.F.Alongi
[#11] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio molto ora mi sento più tranquillo.
Saluti
[#12] dopo  
Utente 267XXX

Iscritto dal 2007
Vorrei chiedere un ulteriore Vs. parere, mi sono sottoposto ad una

T.C. TOTAL BODY del 30/11/07 con questo esito: Non è più apprezzabile la sfumata area ipodensa a carico del lobo six del pranchima epatico
Ulteriore riduzione della componente linfo-adenomegalica retro-peritoneale che raggiunge dimensioni massime pari a 9 mm in sede para aortica.

Ora a marzo '08 dovrò sottopormi nuovamente ad una T.C. Total body

Vanno bene controlli circa ogni 4 mesi? Dovrò sempre fare la Tac total body?
Se si dovesse avere una ripresa della malattia questa dove si manifesterebbe, ripartirebbe sempre dai linfonodi?

Grazie
Saluti