Utente 279XXX
Buongiorno,
vorrei sapere una cosa riguardo ad una spermiocoltura che dovrei fare: è consigliabile raccogliere il liquido seminale la mattina stessa in cui si porta il campione ad un laboratorio analisi, oppure si può raccogliere anche la sera precedente e magari conservare in frigorifero per una notte? Perché insieme alla spermiocoltura mi sono state richieste anche le analisi delle urine, che vanno raccolte anche queste la mattina stessa.
Grazie mille,
Giulio G.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Valdiserri
24% attività
0% attualità
0% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2002
Gentile Utente,
La Spermiocoltura è' un esame colturale che consiste nel valutare la possibile presenza di batteri o di altri microrganismi patogeni all'interno del liquido seminale e di riconoscere così infezioni che riguardano gli organi che lo producono o attraverso cui il liquido seminale stesso passa prima di giungere all'esterno durante l'eiaculazione.
Generalmente si ricercano germi comuni e micoplasmi urogenitali, ma alcuni centri effettuano anche la ricerca con metodo PCR di alcuni importanti patogeni quali Chlamidya trachomatis, Gonococco e HPV. In caso positivo al referto viene normalmente associato un antibiogramma che indica a quale antibiotico il microrganismo in questione risulta più sensibile.
Un esito negativo non esclude la presenza di un'infezione in quanto nel seme ci sono sostanze che possono bloccare la crescita batterica in laboratorio.
Per la preparazione è bene seguire queste norme:
1) E' preferibile non urinare nelle 2-3 ore precedenti
2) è importante effettuare questo esame a distanza di almeno 10 giorni dall'ultima eventuale terapia antibiotica.
3) Sarebbe preferibile eseguire l'esame dopo 3-5 giorni di astinenza.
4) dopo accurato lavaggio dei genitali e delle mani raccogliere il liquido seminale in un contenitore sterile con apertura larga (ad es. contenitore per urine), avendo cura di non toccare il contenitore internamente.
5) inviare il campione in laboratorio al massimo entro 1h dalla produzione.
Cordiali saluti.
Dott. Alessandro Valdiserri



[#2] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
concordo pienamente con quanto esposto dal Collega Valdiserri.

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
no ... l'idea di mettere il campione del liquido seminale in frigo è pessima.
Lo raccolga direttamente nel Laboratorio che procederà all'esame. Le norme igieniche per la raccolta sono ovvie. L'astienza non è un requisito fondamentale.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sono daccordo con il collega Valdiserri, lo può raccogliere anche a casa e portarlo in laboratorio non stiamo parlando di uno spermiogramma
giuste le norme igieniche
l'astinenza è utile per una maggiore raccolta di liquido spermatico