Utente 131XXX
Salve a tutti, avrei bisogno di un vs. parere al fine di poter aiutare mia figlia.
La mia bimba ha 2 anni e tre mesi pesa 12,50 kg ed è alta 88 cm. Alla nascita le hanno diagnosticato un tsh più elevato rispetto alla norma, con la crescita questo valore è andato a normalizzarsi, ma all'occasione ho fatto un ricovero c/o Ospedaletto di Bari dove è emersa una correlazione positiva alla celiachia, i valori sono i seguenti:
aga (igA-igG)
AGA IgA 1.0 U/ml negativo fino a 8.00
AGA IgG > 100 U/ml negativo fino a 50,00
IgA 25 mg/dl 70-400
IgG 497 mg/dl 700-1600
IgM 56 mg/dl 40-230
Tas 13 U.I./ml 50-200
Ves 11 mm/h 1-15
Ho tolto il latte materno alla mia bimba a 15 mesi e da allora non si è capito più nulla nel senso che, la mia angelica già con lo svezzamento non era molto di appetito e si nutriva principalmente con il mio latte (ad un anno pesava 13 Kg , più di ora) ma la situzione della sua inappetenza è andata a peggiorare,, non beve latte se non al mattino forzandola e durante l'arco della giornata fa due o tre pasti non completi, non beve molta acqua nè altri tipi di bevande..
Da quando le ho tolto il latte materno ecco che compare la stitichezza.. lacrime e dolori ad ogni sua evacuazione di solito ogni 5 gg. ho provato con varie cure dallo paxabel, a prodotti naturali a dulcex ed altro ancora. La bimba non riesce a fare cacca, quindi mi chiedo se vi è una correlazione positiva alla celiachia questo potrebbe aver provocato la stitichezza(anche se solitamente porta alla diarrea) e poi correlazione positiva vuol dire intolleranza, sarebbe meglio alimentarla senza glutine per evitare che un giorno possa diventarlo? Grazie di cuore
[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Credo che il problema principale sia un altro e cioè l'alimentazione del bambino. Questi esami non sono indicativi della celiachia perchè le IgA sono negative.
Credo che sia utile sentire il pediatra per quanto riguarda l'alimentazione.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Egregio dottore il mio pediatra afferma chge la bambina non voglia fare la cacca per paura, visto che il primo periodo di stitichezza è stato curato con glicerina che le ha dato un forte bruciore facendola entrare nel ciclo dolore provoca stipsi e la stipsi il dolore.. per cio' che concerne l'alimentazione faccio quello che posso visto che si rifiuta di mangiare quindi frutta a pezzi o cereali neanche a parlarne. Lei mi ha detto che non è celiaca ma cosa vuol dire correlazione positiva? quali sono le probabilità che lo si diventi? c'è un modo per evitarlo?
[#3] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non so cosa intendono di correlazione positiva. Importante è una familiarità per celiachia o malattie autoimmuni. Poi esistono esami genetici per vedere una certa predisposizione. Non si può comunque evitare un'eventuale insorgenza per cui consiglio di stare tranquillo e curare adesso i disturbi legati all'alimentazione e all'alvo.
Cordiali saluti