Utente 295XXX
Età: 26 anni
Sesso: M
Altezza: 180 cm
Peso: 85 kg
Lavoro: impiegato

Patologia: acne comedonica

Sintomi: moltissimi comedoni "sottocutanei" su fronte e soprattutto tempie, alcuni di questi evolvono in comedoni di grosse dimensioni carichi di pus.Non sono presenti in nessuna altra parte del corpo.

Il problema si è presentato circa 2 anni fa e da allora persiste con fasi più acute in autunno e primavera. Il sole estivo non porta miglioramenti significavi. La pelle è piuttosto grassa.

L'attività fisica che svolgo è il body building (1-2 volte/settimana)
La dieta è funzionale all'attività sportiva, quindi iperproteica.

Dopo l'ultima visita dermatologica mi è stata prescritta una cura a base di Airol. Percedentemente ho sperimentato sia trattamenti antibiotici per via orale (l'ultimo è stato lo zitromax 3 compresse 1 volta al mese per 4 mesi) sia trattamenti topici a base di creme(panoxil e skinoren soprattutto) e di saponi (seboral, scrubs...).

Quale trattamento consiglia?
Quello prescrittomi può essere valido e per quanto tempo deve essere protratto? posso associare ad Airol un sapone scrub per rimuovere i comedoni superficiali? Come posso attenuare il fenomeno di arrossamento conseguente all'applicazione della crema?
E soprattutto, posso sperare in una scomparsa dell'acne?

Ringraziando per l'attenzione, saluto cordialmente.

Sebastiano
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,

L'ACNE COMEDONICA è un tipo di ACNE e pertanto deve essere curata in sede DERMATOLOGICA: nessun consiglio telematico può essere sufficiente (nè lecito) a curare una patologia come questa.

Sappia che esistono cure efficacissime per tale problema, ma ogni caso ha la sua risposta, ed i suoi adattamenti terapeutici: l'acne si cura, ma occorrono mesi per avere i risultati sperati.

Personalmente, per questo problema, non utilizzo il preparato topico alla vit.A che le è stato prescritto.

Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA
[#2] dopo  
Utente 295XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dott. Laino,

La ringrazio molto per la sollecitudine e, soprattutto, per la franchezza della risposta.

Non posso quindi che seguire fiducioso la terapia prescrittami, augurandomi che i risultati tanto sperati giungano quanto prima.

Se posso approfittare ancora della Sua disponibilità e sperando di non sembrarLe indiscreto, avrei una domanda: ci sono motivi particolari per cui non utilizza la vitamina A nella cura dei Suoi pazienti?

Grazie ancora e buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Semplicemente perchè il sottoscritto (nel rispetto delle linee guida scientifiche per la terapia dell'ACNE, peraltro pienamente condivise) non la ritiene di "scelta" per la cura di questa patologia.

Saluti.
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005

N.B.
Il riferimento è ovviamente all'applicazione topica del prodotto e non al derivato per l'assunzione sistemica, quale lei sta assumedo.

ancora saluti.

[#5] dopo  
Utente 295XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dr Laino,

Anzitutto, ben ritrovato.

Pochi giorni fa ho effettuato una visita di controllo dal mio dermatologo per verificare i risultati del primo mese di terapia con airol crema.
Gli esiti sono parsi piuttosto soddisfacenti, con una notevolissima diminuzione dei comedoni. Durante la visita, il dermatologo ha però notato la presenza di pus e mi ha consigliato di integrare il trattamento con duac gel, da applicare alla mattina (l'airol lo applico invece alla sera), per un altro mese.

Sul foglietto illustrativo, ho però letto che si sconsiglia l'uso di duac in concomitanza con una terapia che prevede l'impiego di derivati della vitamina A.

A questo punto, chiedo la Sua opinione: come devo comportarmi?
Inoltre, ho notato che, a seguito dell'applicazione di duac, insorge un fastidioso senso di bruciore e un arrossamento della cute nelle zone trattate, fenomeni che si attenuano col tempo, ma non scompaiono definitivamente. E' normale? devo forse ridurre le dosi o la frequenza?

RingraziandoLa fin d'ora per la disponibilità, Le auguro una buona giornata.