Utente 195XXX
mi rivolgo a voi per sapere se potete aiutarmi con un problema che ormai porto avanti da circa 2 anni.
il mio problema è la candida e la vaginite recidiva.
ho consultato circa 3 ginecologi, i quali mi hanno prescritto varie cure tra le quali il Diflucan che, non sapendo che sono allergica, mi ha causato l'alterazione delle transaminasi.
a questo punto ogni volta che si ripresenta il problema, lo posso curare solo con creme e ovuli ma, non riesco a curare definitivamente questo problema in questo modo.
chiedo, se seconso voi, rivolgermi ad un infettologo può essere una buona idea.
poi, tengo a sottolineare il fatto che ho il ragazzo e perciò se anche lui deve fare qualche tipo di esame
[#1] dopo  
Dr. Renato Santoro
24% attività
0% attualità
0% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2003
Esegua un tampone vaginale per ricerca miceti con relativo antimicogramma. E' opportuno inoltre anche ricerca batteri e Trichomonas. In base ai colturali dovrebe essere possibile un trattamento risolutivo, da aestender anche al partner.
Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Francesco Montella
24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2003
La localizzazione all'apparato genitale femminile dell'infezione da candida è assai frequente, specie in gravidanza e nel corso di trattamenti con estroprogestinici di sintesi che modificano il pH vaginale, facilitando l'impianto dei miceti. Si manifesta di solito con leucorrea e spiccato arrossamento ed edema della mucosa, su cui talvolta compaiono piccole afte. La sintomatologia soggettiva consiste in prurito, disuria e difficoltà nel rapporto sessuale.
La terapia si basa sull'uso di preparati topici (per via locale) o sull'uso di antifungini (fluconazolo, itraconazolo) per via sistemica.
La prognosi è buona ma è necessario che il partner sia trattato in contemporanea, per evitare reinfezioni.
Spero di essere stato esauriente.

Cordiali Saluti