Utente 137XXX
Buonasera a tutti i dottori D ITALIA avrei un problema da esporre.
circa 6 anni fa ho ricevuto un intervento di appendicite con infenzione da peritonite.
e stato un intervento di urgenza mi ha salvato la vita il dottore che mi operò.
la mia domanda come mai dopo tanto tempo mi si e gonfiata la pancia ho cercato di mettere una panciera per cercare un po di trattanere il gonfiore senza esito?
da premettere sono in perfetto peso forma....
grazie a chiunque puo aiutarmie se c equalcosa da fare,,,,,,

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
sarebbe necessario comprendere meglio cosa intende per "pancia gonfiata": se si tratti cioè di un aumento di volume di tutto l'addome o circoscritto alla cicatrice chirurgica; se si accompagni ad altri sintomi o ad alterazioni dell'alvo, ecc.
La valutazione di un caso clinico a distanza è, come potrà comprendere, non semplice; ancora di più in presenza di manifestazioni cliniche aspecifiche, come quella così riferita. Restiamo in attesa di ulteriori dettagli.
[#2] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
GRAZIE DOTTORE,
IL GONFIORE SI ESTENDE TUTTA L ADDOME.
IL CHIRURGO CHE MI OPERO MI DISSE CHE PER PULIRMI ALL INTERNO DI TUTTA L INFEZIONE MI TOLSE TUTTO IL PACCO INTESTINALE......
OGNI TANTO SENTO UN PIZZICAMENTO E PRURITO ALL INTERNO......
GRAZIE E BUONASERATA
[#3] dopo  
Dr. Ugo Manlio Cuomo
28% attività
0% attualità
16% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
tra gli esiti di un intervento specie di peritonite c'è la sindrome aderenziale che però si accompagna a disturbi del transito intestinale con difficoltà a digerire, talvolta nausea o addirittura vomito, pesantezza di stomaco, alterazioni dell'alvo. Innanzitutto credo che sia comunque opportuno che Lei si faccia visitare da un chirurgo o da un gastroenterologo e faccia poi attenzione all'alimentazione preferendo una dieta semiliquida povera in cibi che fermentano. Cordialmente!