Utente 110XXX
Mia moglie ha oggi ritirato il referto della visita cardiologica.

Il prossimo appuntamento è stato fissato tra 6 mesi. E' stata avvisata che al minimo disturbo o dolore deve recarsi al PS.

Il padre è morto a 42 anni per un infarto.

riporto quanto scritto nel referto e chiedo gentilmente quale potrebbe essere il decorso e quali rischi comporta tale patologia:

INSUFFICENZA DELLA VALVOLA MITRALE, EXTRASISTOLIA VENTRICOLARE FREQUENTE, CARDIOMIOPATIA MILDLY DILATED CON DISFUNZIONE VENTRICOLARE SX

FE % CALCOLATA 62%

VALVOLA MITRALE ISPESSITA IPERECOGENA CON PROLASSO DEL LEMBO POSTERIORE PERDITA DEL PUNTO DI COAPTAZIONE 3MM CIRCA.

INSUFFICIENZA MITRALICA MODERATA - SEVERA
INSUFFICIENZA TRICUSPIDALICA CON PRESSIONI POLMONARI DI 31 MMHG

CURA PRESCRITTA:
CONGESCOR 2.5MG 1 AL DI
TRIATEC 2.5MG 1 AL DI
LEXOTAN 2.5 MG AL BISOGNO

Preciso inoltre che mia moglie soffre di depressione (probabilmente sospetta bipolare, ma mai diagnosticata completamente perchè rifiuta di essere seguita dallo psichiatra)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la diagnosi effettuata è quella di una valvulopatia mitralica (prolasso) cui si associa una insufficienza valvolare di grado moderato-severo, condizione che a lungo andare verosimilmente richiederà un intervento cardiochirurgio di riparazione o eventualemente di sostituzione della valvola stessa. E' evidente che tale intervento sarà più o meno procrastinato a seconda della sintomatologia della paziente, in base alla compliance terapeutica ed all'evoluzione o meno degenerativa della valvola stessa, il cui stato andrà controllato mediante esami ecocardigrafici a decorrenza semestrale.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
Ringrazio della tempestiva risposta.

Preciso che 30 giorni fa la perdita era di 1 mm oggi di 3mm e che il cardiologo ha detto che tale perdita va nei polmoni (scusi il lessico poco medico ma questo è quanto abbiamo capito).

La domanda... sciocca forse.. che non abbiamo fatto questa mattina in cardiologia è: attività fisica, sessuale, ecc. possono in qualche modo influire su tale patologia?