Utente 142XXX
Salve a tutti, vorrei avere delucidazioni sulla cavitazione. Vorrei innanzitutto conoscere nel dettaglio (ho studiato biologia e biochimica) il percorso metabolico dei lipidi liberati dagli adipociti: vengono davvero eliminati da rene e linfatico (sotto quale forma?)oppure tornano a depositarsi negli adipociti sani? In altre parole: per avere buoni risultati è necessario seguire una dieta priva di grassi?
Inoltre vi chiedo se sia davvero necessario bere 2 litri d'acqua prima e dopo ogni trattamento e se siano utili tisane depurative nel periodo di trattamento.
Un ultimo dubbio: sedute settimanali o quindicinali?
Vi ringrazio e porgo cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Riccardo Giordano
24% attività
8% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, prima di tutto penso che sia importante precisare quale sia l'indicazione al trattamento di cavitazione, che coincide con le adiposità localizzate di tipo iperplastico. Per distinguerle dalle adiposità di tipo ipertrofico o si effettua una biopsia del tessuto adiposo (metodo desueto poiché troppo cruento), oppure si valutano alcuni parametri clinici (sovrappeso, insulinemia base e da carico, ecc.).Per quanto riguarda la sua prima domanda, posso precisare che i trigliceridi usciti dagli adipociti, prima si raccolgono nel sistema veno-linfatico, poi seguono tre vie: per il loro basso PM vengono in parte eliminati attraverso la membrana basale del glomerulo renale. In parte coniugati nel fegato in lipoproteine. Ed in ultimo, idrolizzati nella parete dei vasi e nel muscolo dall'enzima lipoproteinlipasi in glicerolo e acidi grassi. Chiaramente per permettere poi che tali grassi vengano eliminati definitamente, bisogna abbinare al trattamento una dieta ipocalorica e attività fisica.Inoltre è utile abbinare una dieta idropinica con acqua ologominerale a basso residuo fisso (fino a 4 litri al giorno). Per quanto riguarda la frequenza, dipende dall'entità del problema.
Cordiali saluti