Utente 147XXX
Buon giorno, dottore..
Sono la mamma di un bambino di 16 mesi, tutto comincia quando il bambino ha sei mesi, di ritorno dalle vacanze, il pediatra mi dice che ha la bronchite asmatica, curato con antibiotico, broncovaleas e bentelan. Poco dopo durante un pasto, il bambino comincia a tossire e starnutine, il minestrone gli va per traverso, corriamo al pronto soccorso, gli fanno un lavaggio al naso e ci rimandano a casa. Da quando il bambino ha otto mesi cominciano le varie bronchiti asmatiche. Ogni volta l'antibiotico fa effetto, la febbre scompare e anche la bronchite, ma passati due-tre giorni dalla fine dell'antibiotico, comincia a salire la febbre e ricomincia ad avere rantolini, fischi ecc... e lì si riparte con l'antibiotico. A 14 mesi viene ricoverato per Broncopolmite, dopo pochi giorni dalle dimissioni, ricompaiono gli stessi sintomi, viene ricoverato un'altra volta a 15 mesi, gli fanno la broncoscopia, sospettando un corpo estraneo, ma non trovano nulla, prove allergiche: risulta lievemente intollerante al latte e al pelo del cane, Ecografia all'addome: tutto regolare.. Brushing nasale sui 100..
Ora è da un mese che non beve più latte, non sta a contatto con animali, ma siamo sempre allo stesso punto di partenza. Vogliono fargli la TAC. Vorrei far notare che il bambino non ha mai il naso pieno e nemmeno le tonsille arrossate, ma parte subito con la bronchite.. Sono andata da un dottore dell'omeopatia e mi ha detto che le sue prime vie repiratorie sono immature.
Dottore, non riesco a capire se è un qualcosa (battere, virus…) che non muore mai o se è un allergia, un qualcosa che viene da fuori. Avevo anche pensato che avesse la sindrome del lobo medio…
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
149046

Cancellato nel 2014
GENTILE SIGNORA, LA PRESNZA COSTANTE DI FEBBRE IN OCCASIONE DEGLI EPISODI ASMATIFORMI FA PENSARE AD UNA BRONCHIOLITE INFETTIVA, PIU' SPESSO VIRALE. LE CONSIGLIO COMUNQUE DI RIVOLGERSI AL SUO PEDIATRA PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE E L'ESECUZIONE EVENTUALE DI ACCERTAMENTI MIRATI.
CORDIALI SALUTI
[#2] dopo  
Utente 147XXX

Iscritto dal 2010
Buon giorno, dottore, volevo ringraziarla per la sua attenzione.. Due giorni fa, un professore di Verona mi ha diagnosticato la broncomalacia, mi ha ordinato il Zitromax da dare tre giorni alla settimana per sei settimane, perchè dice che è un'infezione molto lunga, nel frattempo mi ha ordinato anche 20 gocce a settimana di vitamina D per 3 mesi.. Secondo questo professore, il bambino non è allergico, però nelle analisi risultano molto alte le IgE. Cosa significa? Dottore, che cosa comporta la broncomalacia? A cosa devo stare attenta? La ringrazio in anticipo per la sua attenzione.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
149046

Cancellato nel 2014
Gentile signora, la broncomalacia è un'alterazione della parete bronchiale che si presenta flaccida e facilmente collassabile. Per la gestione di tale lesione si affidi ai consigli dei Colleghi che hanno posto tale diagnosi.
Per quanto concerne l'aumento delle IgE totali, la causa di tale aumento andrebbe determinata con la messa in atto di diverse indagini tra le quali una valutazione allergologica. Chieda consigli al pediatra di fiducia.
cordiali saluti.