Utente 158XXX
Buongiorno.

Vi scrivo per il seguente problema.
Da circa un mese a questa parte la mia nonna di 76 anni, bella in forma ed in salute, comincia a presentare un disturbo all'occhio destro. A poco a poco ha cominciato a vedere sempre meno e, solo dopo essersi resa conto che non era un disagio momentaneo (stanchezza, spossatezza, ...) da una settimana a questa parte il visus è diminuito notevolmente.

Preoccupato mi sono apprestato a portarla subito da un medico occulista il quale ha espresso la seguente diagnosi:

-ODF GROSSA EMORRAGIA AL POLO POSTERIORE (MEMBRANA VASCOLARE?)
-OSF MACULOPATIA

-SI CONSIGLIA ESAME FLUORANGIOGRAFICO - OCT.

-ESAMI DEL SANGUE: EMOCROMO + FORMULA, VES, PT, PTT, FIBRINOGENO, ANTITROMBINA III, D.DIMERO, OMOCISTEINA, PROTEINA S/C COAGULATIVA.

- DANZEN CPR X3/DI PER 20 GIORNI

La cosa che mi preoccupa maggiormente è stato il sentirmi dire, da parte di questo specialista, che NON SI PUO' FARE PIU' NULLA. Nel senso che oramai l'emorragia è talmente tanto grande che possiamo solo sperare, attraverso la cura farmacologica, ad un riassorbimento.

Mi chiedo se è possibile una cosa del genere. Non esiste un intervento, una terapia differente? Sarebbe veramente assurdo, e non oso nemmeno crederci, considerando che, al giorno d'oggi, la medicina è praticamente in grado di riscostruire un occhio completamente.

Vi prego da darmi una risposta. E' veramente molto difficile avere a che fare con una donna di una certa età e che si è sentita dire una frase del genere.

Grazie mille.

Sebastiano
[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Carissimo sig. Sebastiano, purtroppo non esiste ancora al giorno d'oggi nessuno in grado di "ricostruire un occhio completamente" può crederci. La patologia di sua nonna così come l'ha descritta sembra abbastanza grave, ma non mi pare che il suo oculista abbia "gettato la spugna", le ha consigliato ulteriori esami strumentali, vedrà che su la base dei risultati le consiglierà le strategie più idonee per affrontare il problema.
Ci faccia sapere
La saluto cordialmente
[#2] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mo Dott Rotondo.
Intanto grazie infinite per la Sua tempestiva risposta.
Sarà sicuramente mia cura provvedere a far fare gli esami specifici quanto prima di cui fornirò qui relativi esiti al fine di un parere in più.

Approfittando sempre della sua cordialità e gentilezza, le chiedo nuovamente, poichè non mi è chiaro, se realmente, in base alla diagnosi fornita sino ad ora, potrebbe esserci realmente un pericolo di NON RISOLUZIONE o PERDITA TOTALE DEL VISUS e se esistono interventi chirurgici per questo tipo d problematiche.
Grazie ancora.

Sebastiano
[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Buongiorno, come detto è una patologia importante, ma faccia prima gli esami richiesti. Certo che esistono interventi di vario tipo, vedrà che sulla base dei risultati sarà il suo oculista a consigliarla.
abbia ancora un po di pazienza.
cordialità
[#4] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
Salve dottore.
Finalmente ho qualche informazione in più. Fluorangiografia e oct hanno confermato quanto sopra detto.

Intervento non se ne parla nemmeno perchè emorragia troppo grande e perderebbe anche quel poco che gli è rimasto (vede solo la mano di una persona ad una distanza di due metri, nulla più).

Questo primario al quale mi sono rivolto sostiene che potrebbe recuperare qualcosa (che per lei sarebbe oro) facendo delle punture intravitreale del farmaco LUCENTIS / AVASTIN (o equivalente).

Mi ha detto che costano € 500,00 cad. Dico ma siamo matti??? Una donna di 78 anni che ha la minima di pensione come può fare????

Per caso sapete dirmi dov'è possibile farle in regime sanitario a Milano? Purtroppo questo medico è di tutt'altra zona.

Non ho parole per i costi...
Grazie mille.

Sebastiano
[#5] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Buonasera, credo che pressocchè in tutte le strutture pubbliche sia possibile praticare la terapia intravitreale con anti VEGF, non è costretto a rivolgersi solo al privato.
cordialità
[#6] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno dottore.
Purtroppo non è così. Prima di disturbarla mi sono rivolto al nemero verde del ssn della lombardia ma nessuno sa nulla.
Sebastiano
[#7] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
4% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Buongiorno. Cambi regione!!!!
cordialmente