Utente 153XXX
Buongiorno,
Ho 35 anni e da circa una decina di giorni avverto dei lievi dolori all'altezza della fossa iliaca destra.
Due giorni fa mi sono recata al Pronto Soccorso per paura che si trattasse di un appendicite.
Ho eseguito la visita con due diversi medici di pronto soccorso + parere di un chirurgo. La vistita alla palpazione dell'addome è risultata negativa, in effetti non ho mai avuto un gran dolore. Sempre una lieve "uggia" su tutto il fianco con qualche fitta lievemente più acuta in fordo alla destra dell'addome. Non ho problemi ad andare in bagno anche se oggi avverto dei movimenti intestinali simili alla diarrea anche se di fatto non ho avuto scariche, anzi mi sembra di dover andare in bagno ma poi non faccio niente.
AL pronto soccorso ho fatto esami sangue ed urine eè risultato il valore della bilirubina lievemente più alto ed i globuli bianchi a 10.7. Per questo mi hanno fatto fare un ecografia dalla quale è risultato tutto a pasto salvo la presenza di una piccola falda fluida nella parte iliaca destra.
Per questo hanno chiesto il consulto del chirurgo il quale ha riscontrato addome trattabilissimo ed assenza di dolore significativo al tatto escludento pertanto un appendicite da operare o da curare.
Quindi ho fatto visita ginecolocica dalla quale è risltato tutto ok. Secondo il ginecologo la falda liquida è dovuta all'ovulazione ed il dolore è un problema intestinale. Mi ha prescritto di fare un tampone vaginale per escludere eventuali infiammazioni.
Mi sento di far notare che ho avuto una settimana molto difficile con un alto stato di ansia e stress. Hanno operato mia mamma ed è stata un operazione molto lunga e complessa ed anche la ripresa sarà un po' lenta.
Vi prego di darmi un Vostro parere. Sono molto preoccupata. Ho paura si tratti di appendice infiammata (dalla ecografia non sono riusciti ad individuarla) che magari possa scoppare mettendomi in pericolo.

Grazie per Vs. gentile risposta e saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
Comprenderà la difficoltà di fornire valutazioni che superino quelle dei numerosi Medici che hanno avuto modo di prendere visione della problematica dal vivo.
La gestione del caso mi sembra sia stata corretta e la non visibilità dell'appendice all'ecografia rappresenta, entro certi limiti, un dato positivo.
Il lasso di tempo trascorso dall'esordio dei sintomi farebbe allontanare l'ipotersi di una appendicopatia acuta, pur dovendo tenere nella dovuta considerazione la presenza di falda liquida in fossa iliaca destra; pertanto è opportuno un periodico controllo clinico finché i sintomi dovessero essere presenti.
[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno,
il mio medico mi ha consigliato di ripetere gli esami del sangue tra un paio di giorni e l'ecografia la prossima settimana per verificare se c'è ancora questa sottile falda fluida.
Sincermante sto meglio nel senso che non ho mai avuto dolori acuti alla parte destra ma piuttosto un indolenzimento e un po' di mal di pancia generale. Temo possa essere dovuto allo stato ansioso ed a tutto lo stress accumulato nell'ultimo mese che ha trovato questa via di sfogo.
Sono ancora molto ansiosa ed impaurita. Temo di avere un attacco acuto oppure di non accorgermene rischiando la perforazione.
Lei pensa che i globuli bianchi a 10.7 e questa falda possano essere un brutto segno?
La prego mi tranquilizzi se può perchè da una settimana non riesco a pensare ad altro.

Grazie ancora e saluti.
[#3] dopo  
Dr. Stefano Enrico
24% attività
4% attualità
12% socialità
ORBASSANO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
GentileSignora, Le assicuro che un attacco acuto (o una perforazione) sarebbe difficile che passasse inosservato...!!!
I sintomi che descrive possone essere riferibili ad un problema di parete addominale (radicolonevralgia): sarebbe opportuno ne parlasse con il suo medico e valutasse con lui se sentire un specialista.
Solo con una visita diretta si può valutare correttamente il problema. Qui si possono fare al più delle ipotesi, senza un vero valore clinico.
Auguri,