Utente 159XXX
Gent.mi dott.,
sono una ragazza venticinquenne alle prese con un altalenante disturbo otorinolaringoiatrico: un correr giù, dal naso in gola, specie nelle giornate umide, di un velo di muco trasparente e filamentoso (alle volte, specie di mattina, con qualche striatura giallastra).
Circa 5 mesi fa mi è stata diagnosticata (tramite esame a fibre ottiche) una sinusite, probabilmente, mi è stato detto, cronica (curata con 11 gg di antibiotico e lavaggi nasali, che tuttora effettuo, con Acqua di Sirmione). In caso di riacutizzazioni avrei dovuto fare una TAC del massiccio facciale che, dato che la sintomatologia persiste -sebbene il forte mal di testa e l'indolenzimento facciale generalizzato non siano più ricomparsi-, mi accingo a fare.
Ho fatto questo breve excursus -di competenza più che altro orl-, in quanto mi è risultato piuttosto strano che lo specialista otorino, non abbia pensato ad una verifica di eventuali allergie.
Io, tuttavia, a parte qualche sporadico starnuto qualche annetto fa quando indossavo dei maglioni di lana, non ho mai riportato una sintomatologia prettamente allergica: starnuti ripetuti, prurito al palato e/o naso, lacrimazione, manifestazioni cutanee...
Pertanto mi domando se possa esistere una sorta di allergia "silente" che non si manifesta con sintomi tipici ma, magari, con questo scolo persistente di muco -magari non imputabile alla sinusite che non è più tornata forte come prima-...
Seconda domanda: i test cutanei (prick test) possono essere validamente sostituiti dalle analisi del sangue (IgE specifiche? ...le mie IgE generali sono bel al di sotto del valore massimo)?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile signora/ina,
le riniti croniche (da allergeni perenni, es. acari della polvere domestica), anche in forma subclinica o paucisintomatiche, possono accompagnarsi a sinusiti croniche.
A mio avviso sarebbe opportuno che si sottoponesse a prick test (più rapidi ed economici), ma se vuole può anche dosare le IgE specifiche per gli allergeni sospetti (la normalità delle IgE totali in questi casi "non conta").
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per la tempestività e la chiarezza.
Tra qualche giorno, procederò con il prelievo del sangue e i conseguenti test (opto per le analisi del sangue in quanto, per me, a costo 0) per gli allergeni sospetti -acari, muffe, epiteli etc etc-...
Il sospetto di una rinite allergica in forma paucisintomatica, in realtà, l'ho sempre avuto sin da bambina quando, molto spesso, prendevo il "raffreddore".
All'esito dei test le comunicherò i risultati.
Con cordialità la saluto.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Prego.
Saluti,