Utente 165XXX
Ciao, ho 29 anni, non fumo, faccio sport, non mi drogo e sono astemio (era meglio fare qualcuna di queste cose mi sà...) la prendo un pò alla lontana ma il ns. caso a mio parere e rispetto alle altre richieste è un pò particolare, mia moglie dopo che abbiamo deciso di non usare contraccettivi è rimasta subito incinta. Però purtroppo ha avuto un aborto interno con "ampia" camera ovulare priva di echi embrionali è stata sottoposta a raschiamento endouterino ed è andato tutto bene e alla sucessiva visita ginecologica era tutto normale.
Il problema è che dal 26 gennaio (giorno dell'operazione) a oggi non è rimasta incinta, perciò ad oggi ho deciso, sotto consiglio della sua ginecologa, di fare l'esame del liquido seminale (spermiogramma ed esame batteriologico). Con mio grande stupore questi sono i pessimi risultati (astinenza di 6gg circa):
Volume: 9.0 ml
Colore: giallastro
Aspetto: torbido
Liquefazione a 30': completa
Viscosità: aumentata
Ph: 8.2
Concentrazione spermatozoi: <0.5 mil/ml
Conc.spermatozoi/eiaculai: /
Motilità: /
Immobili: /
Leucociti: alcuni
Cellule spermatogeniche: presente
Cellule epiteliali: rari
Emazie: rari
Agglutinati: assenti
Cristalli: assenti
Antic.anti/spermat.igG : nn eseguibili
Morfologia spermatozoaria: /
"L'esame microscopico evidenzia la presenza di rarissimi elementi per lo più amorfi. Per lo scarso numero risultano non derminabili cinetica, concentrazione e morfologia."
Esame culturale sperma
Esito: negativo
Ricerca candida:negativa

Da questi esami deduco che non sono messo bene...però mia moglie era rimasta incinta come è possibile? Può essere colpa mia l'aborto? Che cure si possono fare? A circa 5 anni sono stato operato per un testicolo ritenuto, può influire sul liquido seminale?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Gentile signore, forse non ha riportato il numero degli spermatozoi nell'eiaculato per errore.In caso di azoospermia la fecondazione è impossibile.Eventualmente ripeta l'esame per maggiore certezza

Distinti saluti
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
A me, se non ho visto male, date le informazioni forniteci un pò in modo frammentario, sembra che lei presenti una criptozoospermia , cioè cun numero di spematozoi inferiore al mezzo milione per ml.

Questa situazione clinica particolare richiede sempre una attenta valutazione da parte di un andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

una ritenzione testicolare, anche se trattata a 5 anni potrebbe essere associata o determinare uno stato di sofferenza testicolare tanto da determinare importanti alterazioni.
Prima di tutto io ripeterei l'esame del liquido seminale un'altra o più volte per vedere se i dati sono confermati o smentiti, farei i dosaggi di FSH, LH, Prolattina e mi farei vedere da un andrologo.
In linea teorica una gravidanza potrebbe avvenire anche con un liquido seminale "disastrato" si tratta di percentuali di successo!
cari saluti
[#4] dopo  
Utente 165XXX

Iscritto dal 2010
Intanto ringrazio per la Vs. sollecite risposte,
nell'esame la Conc.spermatozoi/eiaculato è stato barrato dal laboratorio, perciò di conseguenza non hanno messo neanche nessun dato sulla motilità. Cosa può essere successo??
A questo punto allora l'esame è davvero da rifare???
Mia moglie incinta è rimasta, abbiamo un appuntamento dalla ginecologa solo x farle vedere gli esami, ma credo proprio che andrò da un andrologo al più presto.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Mi sembra il suo l'atteggiamento più corretto e saggio!

Sempre sentire in prima battuta un esperto andrologo .

Sarà lui ad indicarle dove e quanto eventualmente ripetere gi esami e come approfondire gli aspetti diagnostici della sua particolare situazione clinica.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate sui corretti rapporti tra andrologo e ginecologo in un Centro di Procreazione Medicalmente Assistita, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/201-andrologo-ginecologo-devono-interagire-correttamente-infertilita-coppia.html .

Un cordiale saluto.