Utente 166XXX
Salve! Ho 18 anni. Ho cominciato la mia vita sessuale circa 1 anno e mezzo fa con una ragazza di 19 anni a cui ci tenevo tantissimo e con cui avevo un rapporto molto stretto. Mi sono sverginato dopo i primi 2 mesi di relazione e subito dalla prima volta ho cominciato ad avere una sensibilità ridotta del pene ed è sempre stata così tutte le volte che avevo un rapporto sessuale con lei. Mi spiego meglio: non provo il piacere che per esempio lo sento quando mi masturbo, nel sesso orale non sento quasi niente, soprattutto sulla punta del pene e per arrivare all'orgasmo mi ci vuole minimo 1 oretta. Al inizio ho pensato che fosse la colpa della mia ragazza, che magari non mi piaceva farlo con lei. Ma lo stesso problema ce l'ho anche adesso, con tutte le altre ragazze.Quando mi masturbo però, è tutto normale, provo il massimo piacere e riesco ad arrivare all'orgasmo dopo pochi minuti .Devo precisare che non ho mai avuto problemi di salute legati al pene, non ho mai assunto farmaci, non sono circonciso e sicuramente non è un problema psicologico e che comunque non ho neanche problemi di erezione. L'unica cosa che secondo me potrebbe aver causato questo problema è il fatto che io ho cominciato a masturbarmi da quando avevo 13 anni e da quel momento mi masturbo quasi tutti i giorni, ogni tanto anche 2-3 volte al giorno. Ho provato a smettere ma non ci sono riuscito. Volevo sapere cosa potreste consigliarmi, cosa mi sapreste dire su questa cosa, cosa potrebbe essere? Spero che riusciate ad aiutarmi, perchè non voglio trascorrere la mia gioventù, la mia adolescenza senza sentire il piacere che sentono tutti. Grazie per la pazienza, spero che riusciate a darmi una risposta e una soluzione per il mio problema.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il suo potrebbe essere un problema neurologico, ormonale o psicogeno. Di qua non so. Meglio sentire un collega dal vivo.