Utente 169XXX
Buongiorno Professore. Vorrei riepilogare l'anamnesi della patologia che ha colpito mio marito, 60 anni, ex fumatore. A Luglio 2008 prima diagnosi di Microcitoma, limitato.
4 cicli di chemio con Cisplatino + vpt16 a Pisa.
+ 27 radioterapie + 12 radio preventive al cranio, come da protocollo.
Al controllo (Tac finale) è tutto sparito. A marzo 2009 controllo positivo. Recidiva Linfonodo piccolo paratracheale. Seguono 4 cicli di chemio Carboplatino +radioterapie (stereotassi).
Al controllo (Tac + Pet), tutto sparito.
A settembre 2009 ,primo controllo dopo 3 mesi, tutto negativo.
A gennaio 2010, secondo controllo positivo. Altro piccolo linfonodo captante. Seguono 3 cicli di chemio, carboplatino + 4 radioterapie (stereotassi) . Al controllo dopo il secondo ciclo (PET), tutto sparito.
Il controllo a Giugno 2010 , non ha evidenziato nulla,siamo felicissimi.
La prossima tappa è il controllo a Settembre, ma dopo un'estae in cui la malattia è stato l'ultimo pensiero,
in base alla sua esperienza, che cosa sarebbe lecito aspettarsi?Alle cure la risposta è stata importante,conosciamo però la recidività di questa neoplasia e vorremmo un suo parere. Grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
FURCI SICULO (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
C'è DA APSETTARSI DI PASSARE SERENI L'ESTATE E NON PENSARE A NOI ED ALLA PATOLOGIA! A SETTEMBRE DIO VEDE E PROVVEDE.
NON VUOLE ESSERE UNA RISPOSTA FUGACE, MA MI CREDA VIVERE ALLA GIORNATA VALE MOLTO DI PIù CHE TUTTI I RAGIONAMENTI STATITICI CHE POSSIAMO FARE.
[#2] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Grzie mille dottore per la Sua risposta che comunque ritengo positiva. Noi stiamo già vivendo alla giornata , ripeto, l'estate ci sta volando via in totale serenità. Mio marito non è mai stato così in forma, pieno di capelli (sa, per lui sono importanti) e di voglia di vivere, ha già fatto due viaggi di lavoro e stiamo per andare in vacanza. Sono io che non vorrei avere un risveglio troppo brusco da questa serenità, per cui cerco di entrare nell'ottica non troppo ottimistica, di dover affrontare nuove cure. Io sono giovane e non voglio perdere l'uomo che è il mio compagno di vita (ci siamo sposati l'anno scorso) e che per me è tutto.
Grazie ancora!
[#3] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
FURCI SICULO (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
TENGA DURO E SIA FIDUCIOSA. LA VITA SPESSO CI METTE A DURA PROVA MA MAI LASCIARCI SCHIACCIARE
[#4] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno professore.
[#5] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno Professore.Volevo aggiornarla sul mio caso. I controlli dei quali le parlavo sopra, a Settembre, sono andati benissimo (PET). A Gennaio 2011, quando ormai cominciavamo ad essere sicuri ,la Pet capta nuovamente addensamenti al polmone ed ad un linfonodo a livello addominale. Si tratta di rilevazioni microscopiche, tanto che una Pet al Gallio , fatta a scopo investigativo per effettuare una radioterapia adgli anticorpi, non rileva il "bersaglio".Ricominciano i cicli di chemioterapia, questa volta con un nuovo prodotto,credo di seconda linea,mi scusi se non ho i dettagli tecnici, ma sto scrivendo dal lavoro e non ho i referti sottomano. Ma è normale questo iter della malattia? Vedo che la diagnosi sulla cartella clinica è cambiata, da "Microcitoma limitato" a "microcitoma esteso". Che cosa è lecito aspettarsi ora, questo accumulo all'addome,è solo una recidiva della malattia, come vorremmo considerarla noi, o è una metastasi? E' possibile che in meno di 4 mesi dal controllo positivo, le cellule si siano diffuse così?Onestamente Professore, ha ancora senso fare dei progetti,sperare in una guarigione, che cosa dovremmo fare adesso? Grazie mille per la sua gentile risposta. Grazie.