Utente 153XXX
GENTILISSIMI DOTTORI, VOLEVO CHIEDERVI, MA RISPONDENDO BENE ALLA DOSE DI 50 MG DI VIAGRA, AVENDO OTTIME EREZIONE E AVERE ANCHE UNA SECONDA EREZIONE QUASI SUBITO, ESCLUDE CHE SI POTREBBE AVERE UNA FUGA VENOSA DI NATURA ORGANICA? GRAZIE PER LE RISPOSTE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro signore, direi che il test da lei effettuato col sildenafil 50 mg è stato brillante. Ciò di fatto escluderebbe patologie da fuga venosa anche se in realtà per una corretta documentazione occorrerebbe eseguire un approfondimento radiologico, ma le assicuro che nel suo caso non ce ne è bisogno.
[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
ALLA C.A. DEL DOTT. MASALA.-
DOTTORE SE FOSSE QUI DAVANTI A ME GIURO CHE LE DAREI UN ABBRACCIO DI TUTTO CUORE, BELLISSIMA QUESTA RISPOSTA CHE MI HA FORNITO, MAI NESUNO E' STATO COSI CHIARO, QUESTO VOGLIONO I RAGAZZI COME ME, CHE AD UNA DOMANDA SI RISPONDA CON CHIAREZZA (NON VOGLIO ESSERE ASSOLUTAMENTE POLEMICO, MA E' LA VERITA').- RITORNANDO A NOI, SA PERCHE' HO POSTATO QUESTO MESSAGGIO? PERCHè DA INNUMEROSI ACCERTAMENTI CHE HO FATTO, DA UN ECOCOLORDOPPLER CON FARMACOINFUSIONE, MI E' STATO RISCONTRATA UNA DISFUNZIONE VENO-OCCLUSIVA DOVUTA AD UN MARCATO IPERTONO ADRENERGICO, QUINDI IL MIO ANDROLOGO MI HA PRESCRITTO VIAGRA DA 50 MG AL BISOGNO, RIFERENDOMI CHE NON VI E' PROBLEMA DI NATURA ORGANICA, IN QUANTO I CORPI CAVERNOSI SONO IN PERFETTO STATO, MA DI NATURA ANSIOSA.-
LE DICO LA SINCERA VERITà ERO ABBASTANZA SCETTICO NELL'ASSUMERE TALE FARMACO, MA DA QUANDO LO PRENDO LE DICO CHE L'EREZIONE E' PIU' CHE PERFETTA.-
CARISSIMO DOTT. MASALA MI POTREBBE DIRE IN PAROLE POVERE COS'è QUESTO MARCATO IPERTONOADRENERGICO?
IL VIAGRA PUO' RISOLVERE PROBLEMI DI NATURA PSICOLOGICA E ANSIOSA? GRAZIE MILLE ANCORA DI VERO CUORE
[#3] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
CARO DOTT. MASALA ATTENDO UNA SUA RISPOSTA CONFIDO IN LEI.-
GRAZIE
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
il viagra è un farmaco per il deficit erettivo, funziona coiè fino a quando lei lo assume, non cura problematiche psichiche, nè di natura ansiosa.
Solitamente l'utilizzo del farmaco, in special modo alla sua età,si asocia a colloqui di counseling psico-sessuologico, da effettuare con un sessuologo clinico, per dipanare la matassa psichica, emozionale e relazionale, associata alla sessualità.
La sfera della sessualità è molto complessa e caleidoscopica, per ridurla esculivamente alla sfera erettiva.
Auguri
[#5] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Cara dott.ssa RANDONE, lei allora che mi consiglia di fare? Quindi mi sta dicendo che è un problema di psiche?
Ma mi risponda in maniera sincera, secondo lei la psiche è davvero tanto forte da poter contrastare il fenomeno erettivo? Il viagra come diceva il dott. MASALA dal quale attendo ancora una risposta, mi esclude patologie organiche, in quanto mi fa arrivare ad una ottima erezione, quindi a questo punto l'unica soluzione è un rimedio psico-sessuologico? Grazie per la risposta che mi saprà fornire
[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Santonocito
52% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
>>> Ma mi risponda in maniera sincera, secondo lei la psiche è davvero tanto forte da poter contrastare il fenomeno erettivo?
>>>

Gentile utente, questa non è un'opinione, è un fatto. Non si tratta di "forza", ma piuttosto di blocchi, solitamente ansiosi, che interferiscono con la funzione sessuale. È una cosa che vediamo continuamente. Il Viagra però non può risolvere i problemi psicologici.

Se con la sua cura attuale si sta trovando bene, probabilmente per ora non c'è motivo di cambiarla. A meno che non vi siano ragioni specifiche per farlo, magari sue personali.

Cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Le rispondo prontamente.
Il fatto che si tratti di un problema di ansia , non equivale a dire che non ci sia.
L'approccio, come le ho già scritto, alla sua età e secondo il suo quadro clinico, è combinato:
farmacologico( il viagra interrompe il circolo vizioso tra ansia da prestazione, assenza di erezione, deflessione del tono dell'umore e dinuovo ansia da prestazione..., ma non cura), la terapia psico-sessuologica, le risove le cause del deficit erettivo, con diagnosi psico-sessuologica e terapia adeguata alla sua storia di vita e sessuale.
A seconda della diagnosi di d.e( primario, secondario, situazionale, assoluto) e della data e cause relative alla disfunzione, si stabilisce unitamente all’andrologo, se effettuare una terapia sessuologica o qualche colloquio di counseling psico-sessuologico, da effettuare all’inizio della terapia orale, a metà del percorso ed a ridosso della sospensione, per evitare ricadute ed ansie anticipatorie di ricadute.
A volte è “ la paura della paura”, che porta il paziente alla dipendenza psicologica dal farmaco ed a non valutare la possibilità di una sospensione, soprattutto nei pazienti giovani, che non hanno memoria corporea di pregressi successi sessuali
Auguri
[#8] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
GENTILISSIMA DOTT.SSA RANDONE , MA SECONDO LEI PER TUTTO QUELLO CHE MI HA SPIEGATO PUO' INFLUIRE SULLE EREZIONI MATTUTINE? COMUNQUE SE INIZIO QUESTA TERAPIA, SECONDO LEI QUANTE POSSIBILITA' DI SUCCESSO POSSO AVERE? MI SAPREBBE INDICARE UN BUON PSICOLOGO NELLA ZONA DI CASERTA E/O NAPOLI? GRAZIE DI VERO CUORE.-
P.S. RINGRAZIO ANCHE IL DOTT. SANTONOCITO AUGURANDOVI BUON FERRAGOSTO.- ATTENDO UNA CORTESE RISPOSTA
[#9] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Deve cercare un andrologo e poi un sessuologo clinico, non uno psicologo.
Si, può avere ripercussioni sulle erezioni mattutine, si deve fare diagnosi esatta. Il tono dell'umore in questi casi è deflesso e di consegienza le ripercussioni sono ad ampio spettro.
Come faccio a sapere quante posibilità ha di successo, se non so nemmeno quale terapia le necessita.
[#10] dopo  
Dr. Giuseppe Santonocito
52% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Dovrebbe essere seguito da un andrologo ed eventualmente, sentito anche il suo parere, fare un consulto con uno psicologo/psicoterapeuta esperto in disturbi sessuali per sapere se sia opportuno ricevere aiuto per la parte psicologica.

Può iniziare la sua ricerca consultando la lista degli iscritti a questo sito, provincia per provincia:
http://www.medicitalia.it/02it/medici-per-provincia.asp

Cordiali saluti