Utente 169XXX
Di seguito, riporto le conclusioni, rispettivamente, della tomografia da stress [A] e dell'elettrocardiogramma dinamico (Holter) [B]:
[A] ischemia da sforzo di lieve entità in sede inferiore, funzione globale del ventricolo sinistro ai limiti della norma e volumi ventricolari a riposo conservati. Ipoperfusione settale da sforzo riferibile alla nota anomalia di conduzione (BBs completo) - esame del 9 luglio 2010;
[B] paziente asintomatico durante la registrazione. Ritmo sinusale bradifrequente con normale variabilità circadiana della frequenza cardiaca. Disturbo di conduzione intraventricolare basale. Blocco atrio-ventricolare di primo grado basale (massima durata dell'intervallo PR 250 msec). Si segnala: rara extrasistolia ventricolare (11 extrasistoli isolate, 1 coppia) in una occasione ripetitiva (coppia); rara extrasistolia sopraventricolare (8 extrasistoli isolate). Non rilevati episodi diagnostici di ischemia miocardica - esame del 22 luglio 2010.
Ho 61 anni, non fumo ed ogni giorno, salvo rarissime eccezioni, percorro circa 30 km in bici (passeggiata) oppure circa 1 ora e mezza a piedi; assumo medicinali per la cura dell'emicrania (wellbutrin), timololo per il glaucoma cronico, 5 mg/die di "simestat" e 5 mg/die di "procaptan". Negli ultimi due anni, grazie soprattutto al moto, il mio peso è diminuito di 8/10 kg.
Cosa mi devo aspettare? Serviranno ulteriori accertamenti?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Penso che lei riuscisse a continuare a ridurre il peso corporeo abbia bisogno solo di periodici controlli non invasivi. Cordialita'
[#2] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Dottore, la ringrazio per la cortesia e la sollecitudine nel rispondermi.
Le rubo ancora un poco di tempo e Le chiedo se, a suo giudizio, non sia necessario sottopormi a coronarografia.
Grazie di nuovo.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L coronarografia e' un'indagine invasiva ed anche se sempre piu' diffusa non e' esente da rischi. Pur essendo un cardiologo molto interventista riserverei questo esame al momento in cui qualcosa dovesse cambiare nel suoquadro clinico (dolori sospetti per angor) o strumentale ( variazioni della cinesi all'ecocardiografia. S epero' dovesse essere piu' tranquillo nulla vieta che le si sottoponga a atale esame, perche in elezione il rischio e' veramente minimo, anche se non trascurabile del tutto. Cordialita'
[#4] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Terrò conto del Suo consiglio.
Di nuovo, grazie.