Utente 170XXX
A febbraio è stato diagnosticato a mia madre, un carcinoma al colon-retto,quindi è stata operata con conseguente stomia. Dopo poco ha iniziato radioterapia,sembrava essersi quasi ripresa bene,ma una delle ultime tac hanno evidenziato una metastasi al fegato,questo a giugno,mentre a luglio ha fatto una prima chemioterapia, nel frattempo sono comparsi tremori accompagnati da febbre, anche molto alta.Dopo diversi antibiotici usati da mia madre sempre con esito negativo perchè la febbre era persistente,abbiamo ricoverato mamma in ospedale dove una body tac ha evidenziato un tumoreascesso alla metastasi del fegato.
Immediatamente dopo il ricovero a mamma le è stato aspirato il pus ed ora ha un drenaggio,la mia preoccupazione è il fatto che continua ad avere febbre, volevo chiedervi se la presenza di quest'ultima è del tutto normale, oppure devo preoccuparmi,e se fosse normale per quanti giorni potrebbe presentarsi???
Grazie!!!!!!!!!

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Lombardi
24% attività
0% attualità
8% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
CAro utente,

in presenza di ascesso è normale avere un aumento della temperatura corporea. L'importante è una buona terapia antibiotica e vedrà che nel giro di pochi giorni incomincerà a scendere.
[#2] dopo  
Utente 170XXX

Iscritto dal 2010
Dottore la ringrazio della sua risposta.
Infatti per i primi 2 giorni,abbiamo dato l'antibiotico a mia madre,ma oggi abbiamo avuto la risposta NEGATIVA riguardo all'esame di antibiogramma e batteriologico del campione di siero che è stato prelevato dall'accesso.
Il dottore che ha eseguito la tac e il drenaggio, mi ha detto,visto l'esito negativo e nevrotico, di farle eseguire una terapia con bentelan 1,5,praticamente con cortisone.
Vorrei tanto sapere se anche lei ritiene giusto fare questo tipo di terapia e sospendere la terapia antibiotica.
In attesa della sua risposta. GRAZIE
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Lombardi
24% attività
0% attualità
8% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Probabilmente non si trattava di pus ma di materiale necrotico che può causare infiammazione sistemica. Opterei per il cortisone ma lasciando sempre una copertura antibiotica.