Utente 472XXX
Gentili Medici, volevo porVi una piccola questione. La scorsa settimana durante un allenamento in palestra (in particolare stavo facendo degli esercizi per i bicipiti seduto su un'apposita panca denominata schott) ho avvertito a destra del basso ventre un dolore siimile ad una puntura e successivamente ho avuto un pò di fastidi tra i quali dei dolori che giungevano nella gamba destra e al testicolo destro. Sembravo spariti invece oggi ho avvertito di nuovo il fastidio al ventre. Secondo Voi potrebbe trattarsi di ernia inguinale considerando che ho già fatto un'ernia a inguinale a sinistra: Inoltre qualora sia così posso in questa fase effettuare degli eserci specifici per evitare che si aggravi? Nel caso in cui dovrei operarla è possibile in laparoscopia? Quali sono i tempi di recupero? Attendo una Vs gentile gentile risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Calma calma !
Può trattarsi di ernia, ma non è affatto detto. Per fare una diagnosi occorre una visita.

Lei già corre senza una diagnosi, ponendo domande sull'intervento , al decorso postoperatorio e al ripristino delle attività quotidiane ?
[#2] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
intanto la diagnosi va confermata, poiché la sintomatologia riferita è comune ad altre condizioni muscoloscheletriche che possono verificarsi in concomitanza dello sforzo compiuto: è pertanto necessario che La visiti un Chirurgo.
Non esistono esercizi che possano far regredire un'ernia che si sia già manifestata: la sua evoluzione sarebbe inevitabilmente evolutiva.
La stragrande maggioranza dei Chirurghi allo stato attuale concorda sul fatto che per le ernie primarie (non recidive) le tecniche laparoscopiche hanno indicazioni molto limitate.
I tempi di recupero per sforzi massimali dopo un intervento di riparazione erniaria si aggirano mediamente intorni ai due mesi; ma in base a considerazioni che non è possibile fare in anticipo, potrebbero variare.
[#3] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

oltre alle corrette informazioni e consigli che le hanno fornito i colleghi che mi hanno preceduto, vorrei aggiungere solo a scopo conoscitivo che circa il 30% dei pazienti affetti da ernia inguinale presentano un difetto controlaterale, ma senza dubbio la certezza nel suo caso potrà essere raggiunta, come anche i colleghi hanno affermato, solo con la visita clinica.

per quanto riguarda il trattamento laparoscopico.

in effetti sono pochi i centri di laparoscopia in italia che eseguono routinariamente tali tipi di intervento.

in particolare la chirurgia laparoscopica sembrerebbe essere indicata per le recidive di ernia eseguite per via "aperta" e per le ernie bilaterali primitive.

ma esiste un frequente aggiornamento delle indicazioni e soprattutto ormai non esistono quasi più controindicazioni assolute alla tecnica laparoscopica (sempre se eseguita da uno staff esperto in questa delicata e di "nicchia" tecnica chirurgica) questo perchè la chirurgia dell'ernia per via laparoscopica prevede una anestesia generale in quanto deve essere rilasciato completamente il tono muscolare della parete addominale (vengono inevitabilmente bloccati anche i muscoli che partecipano all'attività respiratoria) per permettere l'esecuzione del pneumoperitoneo.

se è curioso potrebbe vedere una breve clip di un mio filmato proprio su questo intervento:

http://www.youtube.com/watch?v=N_vmIezOe44

è inoltre opportuno dire, ma si stanno cominciando ad eseguire anche in day hospital le colecistectomie per via laparoscopica (utilizzata da tempo nell'europa del nord), che è prevista per ora una notte di ricovero.

in effetti potrebbe sembrare un pò eccessivo eseguire un pneumoperitoneo ed un ricovero per il trattamento di un ernia.

ma visti i risultati eccellenti considerando il dolore postoperatorio e la ripresa dell'attività lavorativa e sportiva (esistono anche dei modesti vantaggi estetici) rispetto al trattamento aperto l'ernia inguinale monolaterale, a volte, questo tipo di intervento lo eseguo se associato ad altri interventi eseguiti sempre per via laparoscopica.

porgo cordiali saluti a tutti