Utente 177XXX
In seguito all'assunzione di (Atenololoche ho preso per L'ipertensione) ho cominciato ad avere dei disturbi.Ho scoperto per caso di avere una bradicardia battito a 40.Dimezzata la dose da 50 mg a 25mg dopo pochi giorni sono stato di nuovo ricoverato per i battiti a 40.Percui mi hanno cambiato il farmaco,dopo averne cambiati molti per insorgenze rossore ecc.Prendo Esitrex da 25mg meta pastiglia al matttino, la pressione normalmente è 120 e 80 a volte 85 minima.Comunque normalmente i battiti da fermo o fatto 2 rampe di scale arrivano a 56 e 58.Sono 4 anni che vado in palestra regolarmente
3 volte la settimana faccio 2 ore con cardiofrequenzimetro. In base eta e peso altezza devo tenere una frequenza di 130 battiti.Percui devo corrrere sul tappeto per portare la frequenza a 130, passando poi ad altri atrezzi (è un circuito che faccio)sempre cercando di tenere quella frequenza.Mi sembra che in confronto ad altri devo fare piu fatica per arrivare a quei battiti sia nella corsa nei pesi eccc..
le due volte che sono stato ricoverato per la pastiglia elettrogardiogramma era normale.
Volevo chiedervi:può anche essere una cosa dalla nascita avere i batttiti piu bassi di altri?
Crazie Paolo Padova

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
assumere farmaci può determinare riduzione dei battiti cardiaci.
Escluderei che il suo problema sia congenito.
Comunque se non ha sintomi specifici (sincopi, svenimenti,...) non si preoccupi eccessivamente per la frequenza cardiaca bassa (purche non scenda sotto i 50 battiti minuto). Diversamente si rivolga ad un cardiologo di fiducia per modificare la terapia.

cordiali saluti

GMAD
[#2] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2006
Cort;:att.Dr:Guglielmo Mario.La volevo ringraziare per la sua risposta.
Cordiali saluti
Paolo

Padova